Crisi politica italiana del 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romano Prodi
Clemente Mastella
Franco Marini

Il 24 gennaio 2008 il Presidente del Consiglio dei ministri Italiano Romano Prodi non ha ottenuto un richiesto voto di fiducia al Senato, e per conseguenza il governo da lui presieduto (Governo Prodi II) ha dovuto rassegnare le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato[1].

Il voto di fiducia[modifica | modifica wikitesto]

La votazione, tenutasi tra le ore 16 e le 20, ha raccolto a suo esito soltanto 156 voti favorevoli, mentre i contrari sono stati 161. Un senatore (Scalera) si è astenuto, mentre erano assenti (Andreotti, Pallaro e Pininfarina)[2].

Durante il dibattito, il senatore del partito dell'UDEUR Nuccio Cusumano è svenuto dopo aver annunciato di voler mantenere la fiducia al governo Prodi a dispetto delle indicazioni del leader del suo partito; per questo è stato ricoperto di insulti dal compagno di partito Tommaso Barbato che lo ha chiamato "traditore" e gli ha rivolto altri epiteti[3].

In quel momento Prodi era stato al governo per 20 mesi, dopo aver vinto le elezioni dell'aprile 2006.

Prodromi[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 febbraio 2007, il Presidente del Consiglio aveva rassegnato le sue dimissioni, rifiutate dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e, dopo aver ottenuto un voto di fiducia in Parlamento, era rimasto in carica.

Poco tempo dopo (il 10 aprile) il Ministro della Giustizia Clemente Mastella aveva minacciato l'apertura di una crisi dichiarando: "... quando si andrà al referendum noi non ci saremo. Il rischio è la crisi di governo se c'è il referendum. Questo senza nessun timore di smentita"[4][5].

Cronologia della crisi[modifica | modifica wikitesto]

  • 16 gennaio 2008
  • 17 gennaio 2008
  • 21 gennaio 2008
    • Il Senatore Mastella annuncia prima con una conferenza stampa e poi in una trasmissione televisiva che il suo partito ritira la fiducia al governo, aprendo di fatto la crisi.
  • 23 gennaio 2008
  • 24 gennaio 2008
    • Il governo Prodi non ottiene il voto della fiducia al Senato 156-161 e rassegna le dimissioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prodi loses crucial Senate vote, BBC, 24 gennaio 2008. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  2. ^ Prodi sconfitto in Senato: cade il governo, Il premier al Quirinale per le dimissioni, Corriere della Sera, 24 gennaio 2008. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  3. ^ Cusumano si dissocia: voto sì. È bagarre, Corriere della Sera, 24 gennaio 2008. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  4. ^ Legge elettorale, Mastella minaccia la crisi, Corriere della Sera, 10 aprile 2007.
  5. ^ Mastella: Se c'è referendum si rischia la crisi di governo, La Stampa, 10 aprile 2007.
  6. ^ Nei guai i Mastella e l'Udeur campano Indagato il ministro, arresti domiciliari alla moglie. Custodia cautelare anche per il sindaco di Benevento, Corriere della Sera, 16 gennaio 2008.
  7. ^ Referendum: Consulta, sì ai tre quesiti, Corriere della Sera, 16 gennaio 2008.
  8. ^ Prodi ottiene la fiducia alla Camera, Corriere della Sera, 23 gennaio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

La crisi infinita della politica italiana articolo di Dario Alberto Caprio tratto dalla rivista MondOperaio