Cripta Mussolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cripta Mussolini
Cripta Mussolini - Predappio.jpg
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàPredappio
Coordinate44°05′25.75″N 11°58′44.71″E / 44.090486°N 11.979087°E44.090486; 11.979087
Religionecattolica di rito romano
Consacrazione1957
Inizio costruzione1956
Completamento1957

La Cripta Mussolini, costruita nel Cimitero di San Cassiano a Predappio è il luogo di sepoltura di molti componenti della famiglia Mussolini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tumulazione della salma di Benito Mussolini nella Cripta Mussolini nel 1957

Parallelamente alla fondazione di Predappio nuova, Mussolini decise di riunire le salme dei genitori e costruire un famedio per i propri congiunti, esprimendo la volontà di dare un aspetto monumentale al luogo. La nuova struttura, che incorporò il piccolo camposanto precedente, fu realizzata dall’architetto Florestano Di Fausto, dal 1928 al 1933.

La salma di Benito Mussolini fu trasferita nella tomba di famiglia per decisione di Adone Zoli nel 1957. Zoli era antifascista ma anche conterraneo di Mussolini e prese questa decisione nell'anno in cui era Presidente del Consiglio[1] a seguito delle richieste della vedova, Rachele Guidi, per la tumulazione [2][3].

La vedova fece allestire una camera ardente per la salma del dittatore, che era conservata fino ad allora presso il Convento dei Cappuccini di Cerro Maggiore dal 1946; il 1º settembre erano presenti alla tumulazione Rachele con Edda e suo figlio Marzio, Romano Mussolini e Fabrizio Ciano[4]; una settimana dopo 3.500 persone raggiunsero il cimitero con alcuni dirigenti nazionali del Movimento Sociale Italiano tra i quali il leader neofascista Giorgio Almirante e il 21 settembre 7.000 persone raggiunsero il cimitero[2].

Nella notte del 27 dicembre 1971 l'ingresso della Cripta venne lesionato da un ordigno costituito da 4-5 chili di esplosivo al plastico con una miccia di 40 metri, l'intero cimitero venne danneggiato e il questore di Forlì decise la chiusura.[5].

Nella notte del 27 febbraio 1976 vennero rubati da ignoti i cappelli da bersagliere e da Maresciallo d'Italia di Benito Mussolini assieme ad un'urna contenente un frammento di cervello analizzato negli Stati Uniti nel 1945[6].

Predappio e la Cripta sono stati oggetto di critiche a livello nazionale per l'afflusso di neofascisti soprattutto in occasione di alcuni anniversari del fascismo[7].

La cripta[modifica | modifica wikitesto]

Nella sala principale ci sono, uno per angolo, quattro sarcofagi in pietra scolpita grezza ornati ai vertici da quattro fasci littori. Perpendicolare, c'è quello di Benito Mussolini, al centro di una sottocripta più piccola. Sulla parete semicircolare alle spalle, c'è un busto in marmo bianco con due piccole teche per lato, le quali, rispettivamente, custodiscono un cappello da bersagliere, una camicia nera, un'urna in pietra contenente un frammento di cervello e gli stivali (tagliati nel fusto per toglierli e con il tacco divelto per cercare eventuale denaro celato all'interno) indossati al momento della morte. Sempre dal lato destro, in alto, campeggia la riproduzione metallica in nero della lettera autografa "M".

Nella cripta sono sepolte 15 persone, ovvero quattro generazioni della famiglia Mussolini:

  • Alessandro Mussolini (1854-1910), padre di Benito Mussolini
  • Anna Maria Mussolini (1929-1968), figlia di Benito Mussolini
  • Anna Maria Ricci Mussolini (1939-2014), moglie di Guido Mussolini
  • Benito Mussolini (1883-1945), figlio di Rosa Maltoni e Alessandro Mussolini; presidente del consiglio poi dittatore dal 1922 al 1945
  • Bruno Mussolini (1918-1941), figlio di Benito Mussolini
  • Gina Ruberti Mussolini (1916-1946), moglie di Bruno Mussolini
  • Giuseppe Negri, in arte Nando Pucci Negri (1936-1997), marito di Anna Maria Mussolini
  • Guido Mussolini (1937-2012), figlio di Vittorio Mussolini e Orsola Buvoli
  • Martina Mussolini (1969-2016), figlia di Guido Mussolini
  • Monica Buzzegoli Mussolini (1929-2021), vedova di Vittorio Mussolini
  • Orsola Buvoli Mussolini (1914-2009), ex moglie di Vittorio Mussolini
  • Rachele Guidi Mussolini (1890-1979), moglie di Benito Mussolini
  • Romano Mussolini (1927-2006), figlio di Benito Mussolini
  • Rosa Maltoni Mussolini (1858-1905), madre di Benito Mussolini
  • Vittorio Mussolini (1916-1997), figlio di Benito Mussolini

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]