Cressi Sub

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cressi Sub SpA
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1946
Fondata daEgidio Cressi e Nanni Cressi
Sede principaleGenova
Settoresport
ProdottiAttrezzatura per subacquea
Sito web
Maschera e boccaglio prodotti dalla Cressi Sub

La Cressi Sub è un'azienda italiana produttrice di attrezzatura per subacquea.

È inserita nel gruppo Confisub (assieme a Technisub, Mares SpA, Scubapro Uwatec srl, Seacsub SpA, Effesub SpA e Omersub SpA), che rappresenta il 70% del mercato internazionale nell'ambito delle attrezzature subacquee.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La Cressi Sub è l'azienda di subacquea più antica tra quelle esistenti: ufficialmente risale al 1946, quando Egidio e Nanni Cressi la fondarono, ma già alcuni anni prima, nel 1938, avevano iniziato a produrre in piccola scala.[2]

Nel 1947 realizza il primo autorespiratore a circuito chiuso.[2]

Tra il 1952 e il 1953 vengono create grazie alla collaborazione di Luigi Ferraro (non ancora divenuto presidente della Technisub) la maschera subacquea Pinocchio e le pinne Rondine.[2]

Al 1957 risale l'autorespiratore a ossigeno Aro AR57B, che subito entra in dotazione alle forze armate italiane, ai sommozzatori dei Vigili del Fuoco e alle scuole subacquee.[2]

Nel 1980 viene aperta una filiale a Nizza.[2]

Nel 1990 vengono aperte filiali in Spagna e negli Stati Uniti.[2]

Nel 2005 Cressi Sub sponsorizza la spedizione "Mizar" per l'esplorazione dell'incrociatore italiano Armando Diaz nel Canale di Sicilia.[2]

Nel 2007 Cressi Sub sponsorizza la spedizione "Altair" per l'esplorazione dell'incrociatore inglese HMS Manchester e per rintracciare l'incrociatore italiano Alberto da Giussano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]