Cremino (cioccolatino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cremino FIAT)
Cremino
Cremino Feletti nocciola.jpg
Cremino Feletti con ripieno alla nocciola
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Piemonte
Creato da Ferdinando Baratti
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali cioccolato gianduja con ripieno di nocciole o mandorle
 

Il cremino è un tipo di cioccolatino composto da tre strati di cioccolato, quelli esterni di cioccolato gianduja e quello interno di pasta di cioccolato al caffè, al limone o alla nocciola tipicamente a formare un cubo avvolto poi in una pellicola di alluminio con una fascetta di carta che riporta il marchio della ditta produttrice.

Questo cioccolatino fu inventato nella seconda metà del XIX secolo da Ferdinando Baratti che aveva aperto col socio Edoardo Milano una liquoreria-confetteria a Torino col nome di "Baratti & Milano" tuttavia i primi documenti ufficiali risalgono solo al 1934[1][2].

Oggi sono produttrici di cremini diverse aziende italiane tra cui: Caffarel[3], Feletti[4], Majani[5], Pernigotti, Venchi[6].

Cremino FIAT[modifica | modifica wikitesto]

Al cremino è legata anche la casa automobilistica FIAT che nel 1911 lanciò un concorso fra i cioccolatieri d'Italia per creare un nuovo cioccolatino in occasione del lancio del nuovo modello Tipo 4. Il concorso venne vinto dalla Majani di Bologna, prima azienda del cioccolato nata in Italia nel 1796, che realizzò un cremino con quattro strati invece di tre, gli strati scuri composti da cioccolato gianduja e quelli chiari da cioccolato con pasta di mandorle[5][7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elsa Mazzolini, Alessandra Meldolesi, L'Italia del cioccolato, Touring Editore, 2004, p. 96, ISBN 978-88-365-3292-6.
  2. ^ Ferdinando Baratti, su The Light Canvas. URL consultato il July 3, 2017.
  3. ^ Cremosi: cremini assortiti, su Caffarel. URL consultato il July 3, 2017.
  4. ^ Cremini, su Feletti. URL consultato il July 3, 2017.
  5. ^ a b Majani ed il Cremino FIAT - Centenario del Cremino, su Majani. URL consultato il July 3, 2017.
  6. ^ Cremino Venchi, su Venchi. URL consultato il July 3, 2017.
  7. ^ Gabriele Cremonini, Cibò, Edizioni Pendragon, 2007, p. 46, ISBN 88-8342-596-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]