Crema di marroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crema di marroni[1]
Crema di castagne o confettura di marroni.jpg
Origini
Altri nomimarmellata di castagne, composta di castagne
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniLazio
Marche
Zona di produzioneLazio, Marche
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
Settoreprodotti vegetali trasformati
Ingredienti principali
  • castagne
  • zucchero

La crema di marroni[1] (o marmellata di castagne[2][3] o composta di castagne[4] o confettura di castagne[5] o confettura di marroni[6]) è una crema dolce spalmabile ottenuta da una lunga lavorazione delle castagne[5].

Si usa la purea di marroni, ovvero il frutto del castagno ridotto in poltiglia, in misura non inferiore a 380 g per 1 kg di prodotto[1].

Spesso è aromatizzata alla vaniglia[3] e può anche contenere alcune tracce di liquore[7]. Altri ingredienti che si possono usare sono il miele, oli e grassi commestibili, pectina liquida, vino, vino liquoroso, noci, nocciole, mandorle, vanillina, erbe aromatiche, spezie[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La marmellata di castagne è stata registrata come prodotto agroalimentare tradizionale dal Lazio[2]. Le Marche hanno invece registrato la composta di castagne[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Decreto legislativo 20 febbraio 2004, n. 50, in materia di "Attuazione della direttiva 2001/113/CE concernente le confetture, le gelatine e le marmellate di frutta, nonché la crema di marroni, destinate all'alimentazione umana".
  2. ^ a b scheda: Marmellata di castagne, su arsial.it. URL consultato il 15 novembre 2016.
  3. ^ a b AA. VV., Conservare frutta e verdura, Giunti Editore, 2011, p. 3, ISBN 88-440-3952-4.
  4. ^ a b Pubblicazione i prodotti tradizionali della Regione Marche (PDF), su agricoltura.regione.marche.it. URL consultato il 15 novembre 2016.
  5. ^ a b Ricetta Confettura di castagne, su Cucchiaio d'Argento. URL consultato il 15 novembre 2016.
  6. ^ La ricetta perfetta: confettura di marroni, su Dissapore. URL consultato il 15 novembre 2016.
  7. ^ Il libro delle marmellate, conserve e gelatine di frutta e verdura, Taylor & Francis, 2005, p. 5, ISBN 88-440-3024-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb165764047 (data)