Crema chantilly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crema chantilly
Crème Chantilly.jpg
Origini
Luogo d'origineFrancia Francia
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
 

La crema chantilly è un dolce composto da panna montata e zucchero a velo, spesso aromatizzata alla vaniglia. Viene utilizzata per farcire e decorare prodotti di pasticceria.

Spesso, in Italia, il termine crema Chantilly viene usato erroneamente per indicare l'amalgama di panna montata e crema pasticcera, composto dolce che dovrebbe invece più correttamente essere chiamato crema diplomatica o crema chantilly all'italiana.[2][3][4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La panna montata, spesso zuccherata e aromatizzata, è conosciuta fin dal XVI secolo, spesso con il nome "neve di latte". Ne troviamo menzioni negli scritti di Cristoforo di Messisbugo[6] (Ferrara, 1549), e di Bartolomeo Scappi[7] (Roma, 1570), e un po' più tardi, di Lancelot de Casteau[8] (Liegi, 1604). Una ricetta inglese del 1545 prevede l'impiego dell'albume d'uovo sbattuto[9].

Tuttavia, l'invenzione della crema Chantilly, così battezzata in onore del Castello di Chantilly, viene spesso attribuita erroneamente a François Vatel, che fu al servizio di Nicolas Fouquet un secolo più tardi[10][4].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome crème Chantilly compare all'inizio del XIX secolo e diventa comune in francese solo alla metà del XX secolo[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Crema Chantilly, su GialloZafferano.it. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  2. ^ Ricetta della crema Chantilly all'italiana, su dolcepasticceria.it. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  3. ^ Crema diplomatica (o Chantilly?), su Puntarella Rossa. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  4. ^ a b Crema Chantilly, su Crema Chantilly. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  5. ^ Preparazione crema Chantilly all'italiana, su ricettedellanonna.net. URL consultato il 10 Gennaio 2018.
  6. ^ Michelle Berriedale-Johnson, Festive Feasts Cookbook" (British Museum), 2004, ISBN 0-299-19510-4, p. 33, citando il Banchetti, composizioni di vivande e apparecchio generale di Messisbugo
  7. ^ Terence Scully, trad., The Opera of Bartolomeo Scappi (1570): L'arte et prudenza d'un maestro Cuoco; The Art and Craft of a Master Cook, 2008, ISBN 0-8020-9624-7, p. 105, nota 2.39, dove qualche menu fanno menzione alla "neve di latte servita con zuccaro sopra", passim
  8. ^ Ouverture de cuisine, "Pour faire neige", p. 123 transcription
  9. ^ Catherine Frances Frere, Prepere newe Booke of Cokerye, 1545 (edizione moderna 1913) -- citata in Scully
  10. ^ Franco Cardini, L'appetito dell'imperatore, Edizioni Mondadori, 2014, ISBN 88-520-5687-4.
  11. ^ Proporzioni dei nomi in 'chantilly' contro il totale (chantilly + fouéttée)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina