Crazy (Gnarls Barkley)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crazy
singolo discografico
Crazy Gnarls Barkley.png
Screenshot del video
ArtistaGnarls Barkley
Pubblicazione11 gennaio 2006
Durata2:58
Album di provenienzaSt. Elsewhere
GenereNeo soul
Pop rock
EtichettaWarner Music, Downtown Records
ProduttoreDanger Mouse
Registrazione2005
FormatiVinile, CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(vendite: 35 000+)

Austria Austria[2]
(vendite: 15 000+)
Belgio Belgio[3]
(vendite: 25 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(vendite: 7 500+)
Svezia Svezia[5]
(vendite: 10 000+)
Svizzera Svizzera[6]
(vendite: 15 000+)

Dischi di platinoDanimarca Danimarca (2)[7]
(vendite: 16 000+)
Germania Germania[8]
(vendite: 300 000+)
Italia Italia[9]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[10]
(vendite: 1 800 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[11]
(vendite: 4 000 000+)
Gnarls Barkley - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
Smiley Faces
(2006)

Crazy è il primo singolo del gruppo Gnarls Barkley, una collaborazione musicale tra Danger Mouse e Cee Lo Green, ed è estratto dal loro primo album St. Elsewhere uscito nel 2006. Ha ottenuto un ampio successo praticamente in tutta Europa, America e Oceania nel corso del 2006.

La canzone ha vinto il Grammy Awards nel 2007 come "miglior performance urban/alternativa" ed è stata anche nominata come "Disco dell'anno", premio che poi è andato alle Dixie Chicks con la loro Not Ready to Make Nice.

Musicalmente, Crazy è ispirata alla colonna sonora degli spaghetti Western, in particolare ai lavori di Ennio Morricone, conosciuto negli Stati Uniti soprattutto per le musiche relative ai film di Sergio Leone. Il brano, in particolare, trae origine da una traccia della colonna sonora del western italiano Preparati la bara!, di Ferdinando Baldi; la traccia, composta da Gianfranco e Gian Piero Reverberi, si intitola Nel cimitero di Tucson.[12] Il testo invece è ispirato ad una conversazione fra Cee-Lo e Danger Mouse avuta nello studio di registrazione.

Nella classifica "100 Best Songs of the 2000s" della rivista Rolling Stone la canzone si posiziona alla numero 1.[13]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video che accompagna il brano è stato realizzato con lo stile del test di Rorschach, per rimanere in tema con l'argomento della "pazzia". Macchie di inchiostro colorato si trasformano da una forma all'altra formando a volte il volto sia di Cee Lo Green che quello di Danger Mouse, insieme al logo del gruppo e ad altre figure di insetti e animali. Le figure di inchiostro sono state create da Bryan Louie e il video è stato nominato all'MTV Video Music Awards 2006 nelle categorie "Miglior video di un gruppo", "Miglior regia" e "Miglior montaggio", vincendo nelle ultime due. Inoltre ha ricevuto una nomination anche all'MTV Europe Music Awards 2006 come "miglior video".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

European CD single/download/UK 7" picture vinyl

  1. "Crazy" – 2:58
  2. "Just A Thought" (Edit) – 2:41

U.S. 12" vinyl single/promo CD

  1. "Crazy" – 2:59
  2. "Crazy" (Instrumental) – 2:59
  3. "Go-Go Gadget Gospel" – 2:15
  4. "Go-Go Gadget Gospel" (Instrumental) – 2:13

UK 12" vinyl/download/promo CD

  1. "Crazy" – 2:58
  2. "Crazy" (Instrumental) – 3:03

Australian CD single

  1. "Crazy" – 2:58
  2. "Just A Thought" (Edit) – 2:41
  3. "The Boogie Monster" – 2:50

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche (2006) Posizione
massima
Australian Singles Chart 2
Ö3 Austria Top 40 1
Belgium Singles Chart 3
Brazilian Single Chart 3
Canadian BDS Airplay Chart 1
Canadian Digital Singles Charts 1
Danish Single Chart 1
Dutch Top 40 3
Estonian Single Chart 1
Eurochart Hot 100 Singles 1
French Single Chart 3
Finnish Single Chart 3
German Singles Chart 3
Greek Single Chart 8
Irish Singles Chart 1
Italian Single Chart 2
New Zealand Singles Chart 1
Norwegian Single Chart 2
Swedish Single Chart 4
Swiss Single Chart 1
UK Official Download Chart 1
UK Singles Chart 1
U.S. Billboard Hot 100 2
U.S. Billboard Modern Rock 7
U.S. Billboard Pop 100 2
U.S. Billboard Hot R&B/Hip-Hop Singles & Tracks 53
U.S. Billboard Hot Dance Airplay 2
U.S. Billboard Hot Dance Club Play 23
U.S. Billboard Hot Adult Top 40 Tracks 1
U.S. Billboard Hot Adult Contemporary Tracks 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.aria.com.au/pages/ARIACharts-Accreditations-2006Singles.htm
  2. ^ IFPI Austria - Verband der österreichischen Musikwirtschaft, su ifpi.at.
  3. ^ ultratop.be, http://www.ultratop.be/nl/certifications.asp?year=2006.
  4. ^ http://www.nzmusicawards.co.nz/rianz/oldchart.asp?chartNum=1539&chartKind=S[collegamento interrotto]
  5. ^ Copia archiviata (PDF), su ifpi.se. URL consultato l'11 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  6. ^ swisscharts.com, http://www.swisscharts.com/search_certifications.asp?search=Gnarls+Barkley+Crazy.
  7. ^ Copia archiviata, su ifpi.dk. URL consultato il 3 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  8. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de.
  9. ^ Le cifre di vendita - 2006 (PDF), su musicaedischi.it, Musica e dischi. URL consultato il 14 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014).
  10. ^ (EN) Crazy, su British Phonographic Industry. URL consultato il 30 ottobre 2020.
  11. ^ (EN) Gnarls Barkley - Crazy – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 6 ottobre 2022.
  12. ^ Mimma Gaspari, Penso che un «mondo» così non ritorni mai più., Baldini&Castoldi, 29 maggio 2016, ISBN 9788868659424. URL consultato il 31 agosto 2016.
  13. ^ 100 Best Songs of the 2000s: Gnarls Barkley, 'Crazy' | Rolling Stone

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Hip hop: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hip hop