Cratere Campano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cratere Campano
Tipo Crater
Satellite naturale Luna
Campanus + Mercator - LROC - WAC.JPG
Dati topografici
Coordinate 28°00′S 27°48′W / 28°S 27.8°W-28; -27.8Coordinate: 28°00′S 27°48′W / 28°S 27.8°W-28; -27.8
Maglia LQ-19 (in scala 1:2.500.000)

LAC-94 Pitatus (in scala 1:1.000.000)

Estensione 48 km
Diametro 46,4 km
Localizzazione
Cratere Campano
Mappa topografica della Luna. Proiezione equirettangolare. Area rappresentata: 90°N-90°S; 180°W-180°E.

Campano (latinizzato in Campanus) è il nome di un cratere lunare da impatto intitolato al matematico e astronomo italiano Campano da Novara. Il cratere si trova lungo il margine sud-orientale del Mare Nubium e forma una coppia di crateri con Mercatore. Ai piedi delle pendici meridionali di Campano giace il piccolo mare noto come Palus Epidemiarum. A sud-ovest si trova il piccolo cratere Dunthorne.

Il bordo di Campano è approssimativamente circolare, con un ingrossamento esterno lungo il margine ovest ed uno interno verso nord-nord-ovest. Le pendici esterne non sono erose in modo significativo, mentre l'interno è stato ricoperto da lava basaltica, con solo un resto del picco centrale. La superficie interna ha la stessa bassa albedo del mare circostante, che conferisce al cratere un aspetto opaco.

Ad ovest di Campano si trova un sistema di rimae noto come Rimae Hippalus, mentre a sud si trova il sistema noto come Rimae Ramsden.

Crateri correlati[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni crateri minori situati in prossimità di Campano sono convenzionalmente identificati, sulle mappe lunari, attraverso una lettera associata al nome.

Campano Latitudine Longitudine Diametro
A 26,0° S 28,6° W 11 km
B 29,2° S 29,2° W 6 km
G 28,6° S 31,3° W 10 km
K 26,6° S 28,3° W 5 km
X 27,8° S 27,3° W 4 km
Y 27,8° S 28,2° W 4 km

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare