Crassula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Crassula
Crassula capitella 2.jpg
Crassula capitella
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
Ordine Saxifragales
Famiglia Crassulacee
Sottofamiglia Crassuloideae
Genere Crassula
L., 1753[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Crassulaceae
Genere Crassula
Sinonimi

Bulliarda DC.
Combesia A.Rich.
Crassularia Hochst. ex Schweinf.
Creusa P.V.Heath
Curtogyne Haw.
Danielia Lem.
Dasystemon DC.
Dietrichia Tratt.
Dinacria Harv.
Disporocarpa A.Rich.
Globulea Haw.
Gomara Adans.
Grammanthes DC.
Helophytum Eckl. & Zeyh.
Hydrophila Ehrh.
× Kalorochea H.J.Veitch
Kalosanthes Haw.
Larochea Pers.
Mesanchum Dulac
Pagella Schönland
Petrogeton Eckl. & Zeyh.
× Purgobulea P.V.Heath
Purgosea Haw.
Rhopalota N.E.Br.
Rochea DC.
× RocheassulaG.D.Rowley
Sarcolipes Eckl. & Zeyh.
Septas L.
Septimia P.V.Heath
Sphaeritis Eckl. & Zeyh.
Tetraphyle Eckl. & Zeyh.
Thisantha Eckl. & Zeyh.
Tillaea L.
Tillaeastrum Britton
Tillia St.-Lag.
Toelkenia P.V.Heath
Turgosea Haw.
Vauanthes Haw.

Specie

Crassula (L., 1753) è un genere di piante succulente sempreverdi appartenente alla famiglia delle Crassulaceae[1][2].
Il suo nome deriva dal latino crassus (grasso), con riferimento alle caratteristiche foglie succulente.

Benché si tratti di un genere cosmopolita la maggioranza delle specie è originaria del Sudafrica, dove numerosi sono gli endemismi. Molte specie sono apprezzate come ornamentali, coltivate soprattutto come piante da appartamento. Tre di queste appartengono alla flora indigena italiana.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Specie di Crassula.

Il genere Crassula è stato descritto per la prima volta nel 1753 da Linneo nel suo Species Plantarum con sole 10 specie al suo interno[1], mentre ad oggi ne conta 205[2].

Tra le più note vi sono:

  • Crassula arborescens ((Mill.)Willd., 1798) — può raggiungere anche i 3 metri di altezza, ha foglie carnose di forma ovale il colore è grigiastro punteggiato di rosso ai margini, la sua fioritura anche se rara, si presenta con fiori piccoli e bianchi.
  • Crassula ovata ((Mill.) Druce, 1917) o Crassula argentea — viene spesso confusa con la arborescens a causa della stretta somiglianza, ma le sue foglie sono spatulate, piatte e arrotondate sulla parte superiore. È la più diffusa del genere e ne esistono molte varietà tra cui una variegata. Produce piccoli fiori raccolti in infiorescenze di colore rosa. Viene comunemente chiamata albero di giada.
  • Crassula perfoliata var. falcata ((J.C.Wendl.) Toelken, 1975) — ha fusto eretto e foglie vellutate di colore grigio verde e a forma di lama di falce, i suoi bellissimi fiori sono grandi e fittamente addensati di colore rosso scarlatto.
  • Crassula perforata (Thunb., 1778) — ha foglie verde scuro macchiate di bianco di forma triangolare, appuntite e rivolte verso il basso, il fusto è sottile.

Sono indigene della regione mediterranea:

Menzioniamo anche Crassula aquatica ((L.) Schönland, 1891), autoctona di una vasta area nell'Europa Settentrionale.

Diverse altre specie, introdotte per opera dell'uomo, risultano ormai naturalizzate nell'area mediterranea.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

La coltivazione delle Crassula richiede un terreno molto poroso composto da terra concimata, terriccio di foglie e sabbia, l'esposizione per quasi tutte le specie è di mezzo sole pur richiedendo comunque una grande luminosità.

Le annaffiature in estate dovranno essere frequenti, mentre in inverno quasi del tutto sospese. La temperatura nel periodo invernale non dovrà essere inferiore ai 7-5 °C.

La moltiplicazione può avvenire sia per seme che per talea. Per seme in terriccio leggero misto a sabbia in zona ombreggiata e ad una temperatura di 21 °C. Per talea mettendole a radicare in sabbia umida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (LA) Carl von Linné, Crassula, in Species Plantarum: exhibentes plantas rite cognitas, ad genera relatas, cum differentiis specificis, nominibus trivialibus, synonymis selectis, locis natalibus, secundum systema sexuale digestas, Stoccolma, Impensis Laurentii Salvii, 1753, pp. 282–283.
  2. ^ a b (EN) Crassula L., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Crassula alata (Viv.) A.Berger, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) Crassula basaltica Brullo & Siracusa, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Crassula tillaea Lest.-Garl., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  6. ^ (EN) Crassula vaillantii (Willd.) Roth, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 gennaio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1211