Cottimo fiduciario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ordinamento italiano il cottimo fiduciario è una modalità di acquisizione di beni e servizi da parte della pubblica amministrazione, rientrante tra le cosiddette procedure in economia, semplificate rispetto alle procedure ordinarie in relazione al modesto valore del contratto o all'urgenza di provvedere.

Può essere utilizzato per l'affidamento di un appalto pubblico di lavori, forniture o servizi ad un imprenditore o, più in generale, ad un operatore economico (il cottimista); ciò lo distingue dall'altra modalità di acquisizione in economia, l'amministrazione diretta, in cui le acquisizioni sono, invece, effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio della stazione appaltante, o eventualmente assunto per l'occasione, sotto la direzione di un funzionario della stessa (il responsabile del procedimento).

Il cottimo fiduciario è un istituto da tempo presente nel diritto amministrativo italiano, ora disciplinato dall'art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture).

Casi in cui è ammesso[modifica | modifica wikitesto]

Al cottimo fiduciario, come in generale alle procedure in economia, si può ricorrere nei soli casi espressamente consentiti dalla legge.

Per i lavori si può ricorrere al cottimo fiduciario quando:

  • l'importo non supera € 200.000 [1] e
  • il lavoro rientra in una delle categorie previamente stabilite da ciascuna stazione appaltante, nell'ambito delle seguenti:
    • manutenzione o riparazione di opere od impianti
    • interventi non programmabili in materia di sicurezza
    • lavori che non possono essere differiti, dopo l'infruttuoso esperimento delle procedure ordinarie
    • lavori necessari per la compilazione di progetti
    • completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto o in danno dell'appaltatore inadempiente,[2] quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori

Per beni e servizi si può ricorrere al cottimo fiduciario quando:

  • l'importo non supera € 211.000[3] (Enti territoriali e Società pubbliche), ridotti a € 137.000 per alcune stazioni appaltanti (Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministeri e Enti Previdenziali)[4] e
  • la fornitura o il servizio rientra in una delle categorie previamente stabilite da ciascuna stazione appaltante con provvedimento e non eccede il limite d'importo ivi fissato (che, naturalmente, non può superare quello generale sopra indicato) oppure ricorre una delle seguenti circostanze:
    • risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente, quando ciò sia ritenuto necessario o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto
    • necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l'esecuzione nell'ambito del contratto medesimo
    • prestazioni periodiche di servizi, forniture, a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle procedure ordinarie, nella misura strettamente necessaria
    • urgenza, determinata da eventi oggettivamente imprevedibili, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per persone, animali o cose, ovvero per l'igiene e salute pubblica, ovvero per il patrimonio storico, artistico, culturale.

Nessuna prestazione di beni, servizi, lavori, ivi comprese le prestazioni di manutenzione, periodica o non periodica, che eccede i limiti d'importo sopra indicati, può essere artificiosamente frazionata allo scopo di sottoporla alla disciplina delle acquisizioni in economia.

Procedura[modifica | modifica wikitesto]

Come già accennato, nel caso del cottimo fiduciario la procedura per la scelta del contraente e la conclusione del contratto è notevolmente semplificata rispetto alle procedure ordinarie, trattandosi di un caso particolare di procedura negoziata (quella che un tempo era nota come trattativa privata). L'affidamento può avvenire con modalità telematica (sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione - il (MEPA di Consip - o su altri mercati elettronici) oppure con modalità tradizionali cartacee.

Se l'importo dell'appalto non supera € 40.000 sia per i lavori, sia per le forniture e i servizi[5], il responsabile del procedimento lo può affidare direttamente ad un operatore economico da lui scelto in modo discrezionale (cosiddetto affidamento diretto).

Se, invece, l'importo è superiore a tali limiti, l'affidamento avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante. Dottrina e giurisprudenza ritengono che l'indagine di mercato non debba essere necessariamente condotta con le modalità rigorose e formali della gara, potendo anche, ad esempio, limitarsi alla consultazioni di cataloghi o listini o all'acquisizione di preventivi. Nella prassi, però, le stazioni appaltanti, pur non obbligate, tendono ad adottare le modalità procedurali della gara, per quanto semplificate (è la cosiddetta gara informale o ufficiosa) inviando agli operatori economici prescelti una lettera d'invito contenente le regole sullo svolgimento della gara e il termine entro il quale possono far pervenire le loro offerte. In questi casi, gli operatori economici acquisiscono un interesse legittimo al rispetto di dette regole e, in generale, al corretto svolgimento della procedura e possono, quindi, ricorrere al TAR contro l'esito della stessa.

Secondo l'art. 334 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 (Regolamento di esecuzione del D.Lgs. 163/2006) il contratto affidato mediante cottimo fiduciario è stipulato mediante scrittura privata (atto di cottimo) che, nel caso di forniture e servizi, può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone l’ordinazione dei beni o dei servizi, che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito.

L'affidamento è soggetto alla normativa, di derivazione comunitaria, dello stand still period che richiede di attendere almeno 35 giorni tra l'aggiudicazione e la stipula, per permettere eventuali ricorsi. In caso di affidamento sul MEPA, si può stipulare senza attendere i 35 giorni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.codiceappalti.it/Art._125._Lavori_servizi_e_forniture_in_economia.htm Codice degli appalti, art. 125 c.5
  2. ^ L'esecuzione in danno è affidata dalla stazione appaltante ad altro appaltatore, facendosi poi rimborsare la maggiore spesa dall'appaltatore inadempiente.
  3. ^ http://www.codiceappalti.it/Art._125._Lavori_servizi_e_forniture_in_economia.htm Codice degli appalti, art. 125 c.9
  4. ^ Tali soglie sono calcolate ogni due anni sulla base della media del valore dell'euro, riferita al periodo di 24 mesi che si conclude il 31 agosto precedente la revisione e che sarà vincolante dal 1º gennaio successivo. La revisione è effettuata dalla Commissione europea
  5. ^ Revisione della soglia per gli acquisti di beni e servizi nei casi di cottimo fiduciario. Modifica apportata dal D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (GU n.110 del 13.5.2011) convertito con modificazioni dalla L. 12 luglio 2011, n. 106 (in G.U. 12.07.2011, n. 160, in vigore dal 13 luglio 2011. Precedentemente all'entrata in vigore del D.L. 13.05.2011, n. 70 (14.05.2011), la soglia entro la quale poteva procedersi all'affidamento diretto per la fornitura di beni e servizi era di € 20.000,00.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto