Costituzione svizzera del 1848

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Costituzione del 1848

La Costituzione svizzera del 1848 fu la costituzione emanata nella Confederazione svizzera dopo la Guerra del Sonderbund.

Con essa viene istituito un nuovo Parlamento, l'Assemblea federale, che diventa l'«autorità suprema della Confederazione»; essa è composta da due camere: il Consiglio nazionale, la camera bassa, rappresentante del popolo, e il Consiglio degli Stati, la camera alta, successore della Dieta federale e rappresentante dei Cantoni. Le decisioni del Parlamento devono essere approvate da entrambi i Consigli.

La Costituzione svizzera nasceva su idee liberali e a darle vigore fu proprio la vittoria dei cantoni liberali e progressisti su quelli cattolici e conservatori.

Le votazioni popolari, avvenute il 12 settembre, assicurano la maggioranza (relativa) per il sì in quanto il 40% vota a favore della Costituzione, il 15% contro, ma il 45% della popolazione si astiene.

Tale costituzione è un passo fondamentale nella storia della Svizzera perché trasforma una confederazione in uno stato federale; inoltre i rapporti tra cantoni non sono più contrattuali, ma istituzionali.

La costituzione fu lo spunto per lo sviluppo industriale della Svizzera in quanto unificava le unità di misura, eliminava le barriere doganali fra i Cantoni, riconosceva la libertà di domicilio e promuoveva l'istruzione superiore.

Soprattutto essa si riservò il potere di ridurre i poteri cantonali qualora le circostanze lo richiedessero.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]