Costituzione della Corea del Nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costituzione della Corea del Nord
Titolo estesoCostituzione socialista della Repubblica Democratica Popolare di Corea
StatoCorea del Nord Corea del Nord
Tipo leggeLegge fondamentale (de jure)
LegislaturaAssemblea popolare suprema
ProponentePartito del Lavoro di Corea
SchieramentoPartito del Lavoro di Corea
Date fondamentali
Promulgazione1972
A firma diAssemblea popolare suprema
Testo
Rimando al testoNaenara.com

La Costituzione socialista della Repubblica Popolare Democratica di Corea è la legge fondamentale della Corea del Nord che sancisce la natura socialista del paese, pone le basi del sistema governativo e regola le funzioni del partito al potere, il Partito del Lavoro di Corea (PLC), in relazione al Gabinetto e all'Assemblea popolare suprema. La Costituzione è suddivisa in 166 articoli raccolti in tre sezioni.

La Corea del Nord è governata anche dai Dieci principi per l'istituzione di un sistema ideologico monolitico, spesso superiori alla Costituzione stessa e che rappresentano de facto la legge suprema dello Stato.[1][2][3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione nordcoreana è unica nel combinare forti tendenze socialiste e nazionaliste assieme al suo riferimento all'ideologia Juche propria dello Stato.[4]

La Costituzione designa il paese come uno Stato socialista e rivoluzionario,[4] con il nome ufficiale di Repubblica Popolare Democratica di Corea.[5] Secondo la Costituzione, lo Stato "deve condurre tutte le attività sotto il controllo del Partito del Lavoro di Corea". Mentre ai cittadini viene riconosciuto un limitato diritto alla proprietà ("andando incontro ai semplici e individuali voleri dei cittadini"), le disposizioni della Costituzione sull'economia pianificata stabiliscono che i mezzi di produzione debbano essere posseduti soltanto dallo Stato e dalle cooperative sociali.[4]

L'articolo 12 definisce lo Stato come una "dittatura della democrazia popolare" sotto la leadership del PLC che garantisce i diritti civili e politici, come la libertà di parola, il diritto di eleggere gli ufficiali, il diritto ad un equo processo e la libertà di culto. Asserisce il diritto di ogni cittadino al lavoro, all'educazione, al cibo e all'assistenza sanitaria. Tuttavia, tutti questi diritti sono limitati dall'articolo 81, dove viene richiesto che tutti i cittadini debbano "strettamente salvaguardare l'unità politica e ideologica e la solidarietà del popolo", e dall'articolo 82, che richiede ai cittadini di osservare "gli standard di vita socialisti".

L'articolo 67 afferma: "Ai cittadini viene garantita la libertà di parola, di stampa, assemblea, dimostrazione e di associazione. Lo Stato deve garantire le condizioni per la libera attività dei partiti politici democratici e delle organizzazioni sociali."[6]

Sebbene l'Assemblea popolare suprema sia designata dalla Costituzione come "l'organo più importante del potere statale" , il paese è de facto una dittatura sotto il controllo di un supremo leader. Uno dei compiti dell'Assemblea è quello di elegge il presidente della Commissione degli affari di Stato (l'ex Commissione di difesa nazionale). Da quando il supremo leader viene eletto a questa carica, l'ufficio può essere considerato la più alta posizione dell'autorità.[4]

La Costituzione può essere modificata o ampliata con i due terzi dell'Assemblea popolare. In pratica, ogni cambiamento necessita del consenso del presidente del PLC (in precedenza, segretario generale), una carica che il supremo leader detiene per regolamento.[4] Non esiste alcun organo per il controllo di legittimità costituzionale o di revisione né un difensore civico.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione inaugurale venne adottata nel 1948, [7] e sostituita con una nuova nel 1972.[4] Vi sono state delle revisioni nel 1992,[8] 1998,[9] 2009,[10] 2013,[11] e un'ultima nel 2016.[12]

Costituzione del Popolo del 1948[modifica | modifica wikitesto]

La prima Costituzione nordcoreana si ispirava a quella sovietica del 1936. e venne adottata alla prima Assemblea popolare suprema nel settembre 1948. Iosif Stalin in persona modificò la Costituzione con Terentij Štykov, il governatore sovietico de facto della Corea del Nord, a Mosca. Alcuni articoli furono successivamente riscritti da dei supervisori sovietici.[13] Con la Costituzione del 1948, l'Assemblea popolare suprema diventò l'organo più importante dello Stato, mentre il suo Presidium era il responsabile dell'iniziativa e dell'elaborazione delle politiche. A differenza delle successive, la Costituzione inaugurale non garantiva lo status privilegiato al PLC[14] e definiva Seul come la capitale del paese, mentre in seguito verrà designata Pyongyang.[15] La Costituzione del 1948 divenne ben presto obsoleta e venne sostituita con una nuova nel 1972.[16]

Costituzione Juche del 1972[modifica | modifica wikitesto]

La proposta di una nuova costituzione per la Corea del Nord venne discussa già nel 1960. Tuttavia, i continui cambiamenti nell'assetto internazionale fecero comprendere ai dirigenti che la Corea del Nord non poteva più posticipare una revisione costituzionale.[17] Il PLC nominò una commissione per abbozzare una nuova costituzione che venne istituita ufficialmente nell'ottobre del 1972. La necessità venne elaborata da Kim Il-sung durante la prima sessione della quinta Assemblea popolare suprema il 25 dicembre 1972:

«Le nostre realtà chiedono oggi urgentemente l'istituzione di una nuova costituzione socialista legalmente per consolidare i grandi risultati del nostro popolo nella rivoluzione socialista e nell'edificazione del socialismo e per redigere i principi delle sfere politiche, economiche e culturali nella società socialista.»

La Costituzione del 1972 venne adottata il 27 dicembre.[18] Sotto la nuova carta, Kim Il-sung divenne il Presidente della Corea del Nord, servendo come comandante delle forze armate e come presidente del Comitato di difesa nazionale; aveva il potere di emanare editti, graziare e concludere o abrogare i trattati. Con la vecchia costituzione, nessun altro poteva essere designato alla carica di capo dello Stato. In contrasto alla costituzione filo-sovietica del 1948, quella del 1972 introdusse vari concetti nordcoreani di governo,[4] facendo dei riferimenti eccessivi all'ideologia Juche, tanto che il saggista britannico Christopher Hale sostiene che "sarebbe più preciso definire la costituzione come una costituzione Juche".[19]

Costituzione Kim Il-sung del 1998[modifica | modifica wikitesto]

La "Costituzione Kim Il-sung" del 1998 nominò Kim Il-sung, morto nel 1994, come il "presidente eterno".[20] Oltretutto, quella del 1998 è stata la prima ad includere un preambolo dedicato alla storia del paese in base alla persona di Kim Il-sung.[4]

Costituzione Songun del 2009[modifica | modifica wikitesto]

La nuova versione emendata nel 2009 della legge fondamentale della Corea del Nord viene chiamata "Costituzione Songun"[10] ed è più lunga di sei articoli rispetto alla precedente del 1998. La Sezione 2 del Capitolo VI sul “Presidente della Commissione di Difesa Nazionale” è completamente nuova e il suddetto incarico venne affidato a livello costituzionale direttamente al supremo leader della Corea del Nord. Negli Articoli 29 e 40 (rispettivamente Economia e Cultura) la parola 공산주의 (comunismo) è stata rimossa.[21]

Costituzione Kim Il-sung–Kim Jong-il del 2012[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione è stata nuovamente modificata nel 2012 durante la quinta sessione della XII Assemblea popolare suprema per includere nel preambolo l'eredità di Kim Jong-il (morto un anno prima) nella costruzione della nazione e la Corea del Nord come "Stato con armi nucleari",[22] in base a ciò, la Costituzione venne rinominata come la "Costituzione Kim Il-sung–Kim Jong-il".[23] La Sezione 2 del Capitolo VI e molti altri articoli e disposizioni furono revisionati a causa delle disposizioni degli Articoli 91 e 95 che sanciscono la modifica costituzionale soltanto durante le sessioni plenarie dell'Assemblea popolare suprema.

Costituzione del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Una modifica della Costituzione è stata fatta il primo aprile del 2013.[11]

Costituzione del 2016[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione è stata nuovamente modificata nel giugno 2016 in seguito al VII Congresso del PLC e sostituisce il Comitato nazionale di difesa con la Commissione degli affari di Stato e nomina Kim Jong-un come capo di Stato.[24] Il motivo della riorganizzazione era in parte quello di rendere più chiaro il ruolo della Commissione degli affari di Stato nella politica economica che precedentemente la Costituzione assegnava al Gabinetto.[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) N. Korea revises leadership ideology to legitimize rule of Kim Jong-un, in Yonhap News Agency, 12 agosto 2013.
  2. ^ Chae-ch'ŏn Im, Kim Jong Il's leadership of North Korea, Routledge, 2009, ISBN 978-0-203-88472-0.
  3. ^ (EN) Christopher Green, Wrapped in a Fog: On the North Korean Constitution and the Ten Principles, in Sino-NK, 5 giugno 2012. URL consultato il 15 giugno 2018.
  4. ^ a b c d e f g h i Robert L. Maddex, Constitutions of the world, 3rd ed, CQ Press, 2008, ISBN 978-1-60426-335-0.
  5. ^ Roberd A. Scalapino e Kim Chun-yŏp, North Korea today: strategic and domestic issues, Institute of East Asian Studies, University of California, Berkeley, Center for Korean Studies, 1983, p. 24, ISBN 0-912966-55-6.
  6. ^ (EN) Constitution of North Korea (1972, rev. 1998), su en.wikisource.org.
  7. ^ Kim Hyung-chan e Kim Dong-kyu, Human remolding in North Korea: a social history of education, University Press of America, 2005, p. 134, ISBN 0-7618-3172-X.
  8. ^ (EN) Christopher Hale, North Korea in Evolution: The Correlation Between the Legal Framework and the Changing Dynamic of Politics and the Economy, in Korea Observer, vol. 33, nº 3.
  9. ^ (EN) APA - North Korea drops Communism from its Constitution, su en.apa.az, 25 febbraio 2012. URL consultato il 15 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2012).
  10. ^ a b David-West Alzo, North Korea, Fascism, and Stalinism: On B. R. Myers' The Cleanest Race, in Journal of Contemporary Asia, vol. 41, nº 152, febbraio 2011, DOI:10.1080/00472336.2011.530043.
  11. ^ a b Han Dong-ho, Kim Su-am e Yi Kyu-ch'ang, White paper on human rights in North Korea 2014, ISBN 978-89-8479-766-6.
  12. ^ (EN) N.Korea updates constitution expanding Kim Jong Un’s position, in NK News - North Korea News, 30 giugno 2016. URL consultato il 15 giugno 2018.
  13. ^ (24) Terenti Shtykov: the other ruler of nascent N. Korea, su koreatimes.co.kr, 17 aprile 2015. URL consultato il 15 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2015).
  14. ^ Tom Ginsburg e Alberto Simpser, Constitutions in authoritarian regimes, Cambridge University Press, ISBN 978-1-107-04766-2.
  15. ^ autore Andreij N. Lanʹkov, The Real North Korea: Life and Politics in the Failed Stalinist Utopia, Oxford University Press, ISBN 978-0-19-939003-8.
  16. ^ Zhang Wenzhen, Kevin Tan e Junrong Yeh, Constitutionalism in Asia: cases and materials, ISBN 978-1-84946-234-1, OCLC 858826375. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  17. ^ Korea Today, Foreign Languages Pub. House, (196), 1987. p. 3.
  18. ^ William B. Simons e Rijksuniversiteit te Leiden. Documentatie Bureau voor Oost-Europees Recht., The Constitutions of the Communist world, Sijthoff & Noordhoff, 1980, ISBN 90-286-0070-1.
  19. ^ (EN) Amarnath Amarasingam, The Prophet Is Dead: Juche and the Future of North Korea, su Huffington Post, 19 dicembre 2011. URL consultato il 15 giugno 2018.
  20. ^ Hoenik Kwon, North Korea: beyond charismatic politics, Rowman & Littlefield Publishers, 2012, ISBN 978-0-7425-5679-9.
  21. ^ (EN) DPRK has quietly amended its Constitution | Leonid Petrov's KOREA VISION, su www.webcitation.org, Leonidpetrov.wordpress.com, 12 ottobre 2009. URL consultato il 15 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2013).
  22. ^ North Korea proclaims itself a nuclear state in new constitution - CNN, su articles.cnn.com, 20 agosto 2012. URL consultato il 15 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2012).
  23. ^ (EN) North Korea Amends the Constitution, su ifes.kyungnam.ac.kr, The Institute for Far Eastern Studies. URL consultato il 15 giugno 2018.
  24. ^ (EN) N.Korea updates constitution expanding Kim Jong Un’s position - NK News - North Korea News, in NK News - North Korea News, 30 giugno 2016. URL consultato il 15 giugno 2018.
  25. ^ (EN) The Fourth Session of the 13th SPA: Tweaks at the Top, in 38 North, 6 luglio 2016. URL consultato il 15 giugno 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Testi originali[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]