Costellazioni familiari e sistemiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Costellazioni familiari e sistemiche ovvero la Rappresentazione delle Costellazioni Familiari, è il nome che nel libro Riconoscere ciò che è [1]la traduttrice Silvia Miclavez ha usato per la prima volta per definire le "Familienaufstellungen" che Bert Hellinger, ex-missionario e psicoterapeuta tedesco, ha elaborato negli anni '80: è una metodologia che si avvale della messa in scena della famiglia già usata nella Terapia Familiare (in auge già dagli anni '50), che Hellinger però ha integrato a modo suo rilevando l'importanza fondamentale che determinati ordini sistemici di appartenenza hanno sulla salute e sul benessere dei membri di una famiglia.

Le Costellazioni familiari indicano un procedimento in cui le persone vengono messe in scena in una costellazione (in relazione tra di loro) per rappresentare i membri della famiglia di un cliente, per poter riconoscere così, in base alla percezione relativa alla loro posizione, gli schemi di un sistema familiare. Queste rappresentazioni si fondano sulla supposizione che le relazioni fondamentali per l'individuo vengano anche da lui spazialmente memorizzate al suo interno – in modo funzionale o disfunzionale, a seconda della loro peculiarità.

Il procedimento[modifica | modifica wikitesto]

In genere le Costellazioni familiari si fanno in un seminario al quale partecipa un gruppo di 10-20 persone. Una persona che desidera risolvere una sua tematica personale chiede di fare una costellazione. Il costellatore pone al cliente delle domande riguardo alla sua situazione, riguardo a un determinato sistema (che potrebbe essere la famiglia attuale creata con un partner o la famiglia d'origine) e riguardo al suo desiderio del cuore.

Poi vengono scelti dal gruppo dei partecipanti al seminario dei rappresentanti per alcuni membri familiari (che si suppone siano essenziali per il desiderio del cliente), che vengono poi posizionati in relazione l'uno con l'altro. Anche per il cliente c'è un rappresentante, che rappresenta il suo Io (focus) e che viene posizionato in relazione ai rappresentanti degli altri membri della sua famiglia. Tramite il posizionamento intuitivo dei rappresentanti, il cliente “rovescia” all'esterno, nella spazio della costellazione, la sua immagine interiore riguardante le relazioni inconsciamente raffigurate al suo interno (così come sono tra di loro e in relazione al suo focus). E questa è la prima raffigurazione.

Poiché nel lavoro con le Costellazioni si parte dalla premessa che la sintomatologia venga sviluppata in un rapporto di fedeltà (verso singoli nel sistema familiare) e che la loro correlazione con rapporti “irretiti” (all'interno della prima raffigurazione) diventino evidenti nella disposizione nello spazio, queste relazioni sistemiche possono essere vissute con distacco interiore, perché viste fuori da se stessi (grazie alla dissociazione resa dal rappresentante del proprio focus).

Dalla loro posizione i rappresentanti possono sviluppare sentimenti e pensieri che corrispondono a quelli delle persone rappresentante, appartenenti al sistema familiare. Questo fenomeno viene chiamato “percezione rappresentativa”. Nello spazio così strutturato delle percezioni, le persone del sistema di appartenenza del cliente sono allora in un certo qual modo psichicamente presenti. In questo modo diventano evidenti gli irretimenti (cioè le dinamiche sistemiche disfunzionali) che il cliente si è (inconsciamente) sobbarcato o una dinamica sistemica che egli stesso ha inconsciamente sviluppato per fedeltà al sistema) – le quali condizionano in modo disfunzionale la sua vita.

Nel lavoro con le Costellazioni tali schemi possono essere riconosciuti e cambiati. Per non seguire una direzione sbagliata, di solito nel lavoro con le costellazioni familiari vengono fatti dei test di verifica dei dati per convalidare l'ipotizzata dinamica di base [2], solo in seguito si può andare verso una soluzione. Così il decorso interno del lavoro classico con le costellazioni è caratterizzato dai seguenti tre passi:

· Intervista con il cliente (riguardo a una sintomatologia o stranezze nella sua famiglia).

· Trasparenza, corrispondenza di dati di fatto, ricerca di informazioni convalidanti (verificare di volta in volta la dinamica sistemica di base per comprendere meglio i rapporti di fedeltà).

· Soluzione (intervento che stimola a mettere in pratica qualcosa).

Accanto alla Costellazione Familiare in un gruppo, c'è anche la possibilità di raffigurare le correlazioni spaziali e le dipendenze relazionali tra membri famigliari con le figurine.

Premesse[modifica | modifica wikitesto]

Per un decorso significativo di una Costellazione, il fattore decisivo è che il cliente abbia un serio desiderio del cuore (spinta data da una sofferenza importante). Per prepararsi ad una Costellazione è consigliabile fare delle ricerche nell'ambito del proprio sistema familiare d'origine e preparare un genogramma (incluse stranezze nel sistema).

Per partecipare a queste Rappresentazioni Familiari, anche come rappresentanti, è importante che si sia in grado di prendersi dei carichi sia fisici che psichici. Non è che a priori la Costellazione abbia degli effetti psicoterapeutici, come non è detto che li abbia un semplice dialogo. Se vengono offerti degli incontri di Costellazioni, l'effetto terapeutico dipende molto anche dagli interventi competenti del costellatore. La meta del lavoro con le Costellazioni (anche nella versione un po' diversa delle sessioni individuali) non è in generale e a priori una meta terapeutica. Tuttavia non va sottovalutato l'effetto che una costellazione può avere nel profondo.

Origini e procedimenti simili[modifica | modifica wikitesto]

· Il medico tedesco Jakob Moreno sceglieva nello Psicodramma dei rappresentanti per le persone coinvolte in un conflitto da elaborare. I rappresentanti dovevano rappresentare nei loro ruoli il conflitto in modo drammatico (a differenza della messa in scena nelle Costellazioni).

· La “Scultura Famigliare” sviluppata da Virginia Satir (gruppo di Palo Alto). Questo procedimento usava delle prescrizioni di posizionamento nello spazio che venivano date ai membri familiari (in parte realmente presenti), dove l'accento inizialmente era/è posto sull'attuale sistema di relazioni della famiglia del cliente, e poi meno sulle disposizioni nello spazio di per sé, quanto piuttosto sulle modalità delle sculture corporee, ovvero sugli atteggiamenti che venivano/vengono raffigurati [3](in base alle indicazioni metaforiche del cliente durante la descrizione dei problemi di relazione). In questo modo la scultura famigliare così creata (la sua raffigurazione esterna) dava/dà la possibilità al cliente di rappresentare delle relazioni familiari in modo non-verbale e di riconoscere i conflitti (interiori, parzialmente rappresentanti linguisticamente). Su questa base (sintomatica) si sviluppava il lavoro processuale (spesso un Reframing) [4]tramite Virginia Satir. Nella Ricostruzione Famigliare, Virginia Satir aggiungeva poi la prospettiva plurigenerazionale.[5]

· Applicazioni dell’Ipnoterapia secondo Milton Erickson erano incisive per l'uso del linguaggio (semantica) all'interno della Rappresentazione Familiare.

· Compensazione e Ordine: Iván Böszörményi-Nagy, Geraldine M. Spark Lealtà Invisibili. La reciprocità nella terapia familiare intergenerazionale, Astrolabio Ubaldini Editore 1988; vedi anche Parentificazione. Hellinger parla oltre che di compensazione e ordine anche di appartenenza (legame) ai rispettivi sistemi.

· La Terapia Familiare Strutturale (Salvatore Minuchin, 1967/77) si focalizza su ferite disfunzionali di confine dei sottosistemi tra di loro e all'interno di quello del cliente. [6]

· La tavoletta con le figurine dei membri familiari è una delle cose che risale a lo psicologo e psicoterapeuta Kurt Ludewig e la psichiatra Thea Schoenfelder. Thea Schönfelder fu la prima a usare la messa in scena i rappresentanti senza prescrivere gesti, frasi o informazioni più vicine per dare un primo bagaglio di informazioni. [7]

· Bert Hellinger originariamente imparò in un corso di Thea Schönfelder (Lindauer Psychotherapiewochen) gli effetti di una Rappresentazione Familiare, da Ruth McClendon und Leslie B.Kadis (Carmel Institute for Family Business, California, USA) apprese i retroscena del metodo e li elaborò a modo suo. Dal 1999/2000 sviluppò il modo di mettere in scena dei Movimenti dell'Anima, [8]dove solo ad alcuni o anche a tutti i rappresentanti viene permesso di assecondare gli impulsi a muoversi che emergono interiormente (andare verso, incontro o distogliersi, ecc.). In una variante ridotta dei Movimenti dell'Anima viene messo in scena solo un rappresentante del cliente (focus) – in attesa di una estrinsecazione di un suo movimento interiore, rappresentato dunque all'esterno.

· L'ulteriore sviluppo delle Costellazioni Organizzative (tramite lo psichiatra e psicoterapeuta Gunthard Weber e Klaus Grochowiak) ebbe origine sulla base delle scoperte fatte con le Costellazioni Familiari. Nei sistemi valgono globalmente gli stessi parametri (Compensazione/Ordine/Appartenenza), differiscono solo i dettagli. Per quel che riguarda l’Appartenenza, il sistema organizzativo differisce da quello familiare nel diritto di appartenenza incondizionata (tuttavia un'esclusione fatta con troppa leggerezza vale come rischio disfunzionale). [9]

· Lo sviluppo fino alla Costellazione Strutturale (tramite Matthias Varga von Kibed) astrae (si può anche dire sconcretizza) un eventuale livello (sistemico) personale. Con ciò è possibile il lavoro con le Costellazioni è fondamentalmente possibile anche ad n vago livello (sintomatico) contestuale (per intervenire e/o in forma di un primo avvicinamento9. La possibilità di un'astroazione (intra-)personale era comunque già avvenuto con Virginia Satir (“Parts Party”). [10]

Accoglimento[modifica | modifica wikitesto]

Mentre l'Associazione Pro Psychotherapie rifiuta la Costellazione Familiare classica (secondo Bert Hellinger), [11]vengono preferiti nuovi approcci delle Costellazioni Familiari e si spiega che, se si seguono delle linee direttive psicoterapeutiche, (per esempio le direttive della DGSF), le Costellazioni Familiari possono avere dei buoni effetti, [12] fintanto che vengono fatte all'interno di una psicoterapia da un terapeuta qualificato. [13]La metodologia secondo Hellinger viene fortemente criticata dalla Deutsche Gesellschaft für Systemische Therapie, Beratung und Familientherapie (Associazione Tedesca di Terapia Familiare, Consulenza e Terapia Sistemica). Tuttavia [14]Michael Utsch dice che dipende da chi lavora, e con quali scopi, e come aiuto diagnostico la Costellazione Familiare Hellingeriana, in mani esperte, può essere utile. [15]

Il fenomeno della cosiddetta percezione rappresentativa fino ad oggi non trova spiegazioni, [16]tuttavia Peter Schlötter nella sua tesi di dottorato ((Università di Witten/Herdecke, 2005) ha dimostrato empiricamente che certe percezioni rappresentative sono riproducibili a livello collettivo, che cioè nelle Costellazioni Sistemiche le persone più svariate (rappresentanti) esprimono tendenzialmente le stesse percezioni. [17][17]Wolfgang Hantel-Quitmann in una Costellazione Familiare non si tratta di aiutare dei clienti, bensì di suggerire loro la comprensione degli insegnamenti di Hellinger e di renderli dipendenti da essa. [18]Di contro lo psicoterapeuta Martin Baierl: “Come per la maggior parte dei procedimenti, la qualità di questo lavoro (delle Costellazioni Familiari e Sistemiche) dipende dalla perssona che le applica.” [19]

In Italia, tra le tante scuole, esiste la formazione professionale triennale della Reconciliation Therapy® (marchio comunitario registrato il 10.05.2011), organizzata dall'[20]ALCI- Associazione Liberi Costellatori Italia, in linea con la Legge del 14.01.2013 n°4, G.U.26.01.2013 per le professioni non regolamentate, per sviluppare le competenze necessarie per un buon lavoro con le costellazioni familiari sistemiche.

All’Università di Heidelberg, dal 2009 al 2013 venne fatto uno studio empirico (208 partecipanti, con un gruppo sperimentale e un gruppo di controllo) sostenuto dalla Deutsche Forschungsgemeinschaft (Società di Ricerca Tedesca), per verificare l'efficacia del lavoro con le Costellazioni. Questo studio indica un miglioramento dello stato psichico dei partecipanti dopo le Costellazioni [21](anche se dovessero essere dovuti solo a degli effetti placebo, cosa che non può essere fondamentalmente esclusa [22]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bert Hellinger, Riconoscere ciò che è, Urra-Apogeo, 2000.
  2. ^ Bild:KERN-Systemdynamik.jpg (JPG), open-mind.at.
  3. ^ Eva Tillmetz, Familienaufstellungen. Sich selbst verstehen – die eigenen Wurzeln entdecken, Stoccarda, 2012, p. 17.
  4. ^ Amir Levy and Uri Merry, Organizational Transformation. Approaches, Strategies, Theories., New York, 1986, p. 106.
  5. ^ Freda Eidmann, Trauma im Kontext. Integrative Aufstellungsarbeit in der Traumatherapie., Göttingen, 2009, p. 115.
  6. ^ Arist von Schlippe und Jochen Schweitzer, Lehrbuch der systemischen Therapie und Beratung I. Das Grundlagenwissen., Göttingen, 2013, p. 45.
  7. ^ Freda Eidmann, Trauma im Kontext. Integrative Aufstellungsarbeit in der Traumatherapie, Göttingen, 2009, p. 116.
  8. ^ Klaus Grochowiak, Ordnungen der Macht pag.2 (PDF), cnlpa.de.
  9. ^ Klaus Grochowiak, Ordnungen der Macht, pag 4 (PDF), cnlpa.de, 2002.
  10. ^ Joseph L. Wetchler and Fred P. Piercy, Experiential Family Therapies. In: Family Therapy Sourcebook., New York, 1996, p. 85.
  11. ^ Pro Psychoterapie:Die klassische Familienaufstellung, pag. 2, therapie.de.
  12. ^ Pro Psychotherapie:neuere Ansätze der familienaufstellung, therapie.de.
  13. ^ Pro Terapie: Fazit und Tipp, therapie.de.
  14. ^ Stellungnahme der DGSF zum Thema Familienaufstellungen (25. November 2011), dgsf.org.
  15. ^ Michael Utsch, Die Hellinger Szene driftet auseinender: Streit und Methode und Ausbildung, ezw-berlin.de.
  16. ^ Marco de Carvalho, Jörgen Klußmann, Bahram Rahman, Konfliktbearbeitung in Afghanistan Die Systemische Konflikttransformation im praktischen Einsatz bei einem Großgruppenkonflikt, 2010, p. 35.
  17. ^ a b Video zum Forschungsprojekt zur Aufstellungsarbeit von Peter Schloetter: Epilog - Vertraute Sprache und Ihre Entdeckung, youtube.com.
  18. ^ Depression mit Engeln, zeit.de.
  19. ^ Martin Baierl, Herausforderung Alltag. Praxishandbuch für die pädagogische Arbeit mit psychisch gestörten Jugendlichen. Göttingen 2014, S. 42., Göttingen, 2014, p. 42.
  20. ^ Silvia Miclavez, ALCI - Associazione Liberi Costellatori Italia, alcicostellazioni.it.
  21. ^ Prof.dott.Jochen Schweitzer, Prof.dott. Annette Bornhäuser, Prof.dott.christina hunger, Prof.dott.Jan Weinhold, Wie wirksam sind Systemaufstellungen? (PDF), klinikum.uni-heidelberg.de.
  22. ^ Umstrittene Familienaufstellung: Psychokurs im Schnelldurchlauf, spiegel.de.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

· Allione Tsultrim, Nutri i tuoi demoni. Risolvere i conflitti interiori con la saggezza del Buddha, Milano, Oscar Mondadori 2009.

· Bateson, Gregory, Verso un'ecologia della mente, Milano, Adelphi 1984.

· Bateson, Gregory; Bateson, Mary C., Dove gli angeli esitano. Verso un'epistemologia del sacro, Milano, Adelphi 1989.

· Bert Hellinger, Ordini dell'aiutare, Tecniche Nuove.

· Bertold Ulsamer, Senza radici non si vola, Edizioni Crisalide.

· Boscolo, L., Cecchin, G., Hoffmann, L., Penn, P., La Clinica Sistemica – Dialoghi a quattro sull'evoluzione del modello di Milano, a cura di Paolo Bertrando, Torino, Bollati Boringhieri 2004.

· Boszormenyi–Nagy e Geraldine M. Spark, Lealtà Invisibili, Astrolabio Ubaldini 1988. La prima edizione in inglese di questo libro, Invisible Loyalties, è del 1973.

· Brink, Otto, autore dei libri Vitamine per l'anima, Edizioni Crisalide, Aprirsi fa bene all'amore – Costellazioni Familiari e Dialoghi di coppia, Edizioni Crisalide e Quando l'amore vince, Edizioni Urra-Apogeo-Feltrinelli.

· Brofenbrenner, U., Ecologia dello sviluppo umano, Bologna, Il Mulino 2002.

· Cecchin, G.; Lane, G.; Ray, W.A., Irriverenza. Una strategia di sopravvivenza per i terapeuti, Milano, Franco Angeli 2003.

· Essen, Siegfried, L'Amore per Se Stessie l'Arte di Vivere. Pratiche Sistemiche-Spirituali, ALCI Edizioni, marzo 2015. Gendlin, Eugene T,; Ranieri K., Focusing. Interrogare il corpo per cambiare la psiche, Astrolabio Ubaldini 2001.

· Gendlin, Eugene T.; Baglioni L., Il focusing in psicoterapia. Introduzione al metodo esperienziale, Astrolabio Ubaldini 2010.

· Hausner, Stephan, autore del libro Anche se mi costa la vita – Costellazioni Sistemiche Familiari per malattie gravi e sintomi persistenti, anche questo tradotto da Silvia Miclavez, ma inedito in italiano.

· Hawkins R. David, Power versus Force, Hay House 2002.

· Hellinger Bert, autore di oltre 60 libri, di cui il primo in tedesco è stato Ordnungen der Liebe, Edizione Carl-Auer-Systeme 1993 I edizione, in seguito tradotto da Silvia Miclavezin italiano Ordini dell'amore e pubblicato dalle Edizioni Urra-Apogeo (ora Feltrinelli): è una raccolta di trascrizioni di alcuni suoi seminari, con alcune sue riflessioni introduttive sull'atteggiamento fenomenologico e un'intervista in appendice di Norbert Linz, in cui Hellinger spiega come è giunto alla sua particolare psicoterapia sistemica con le Costellazioni.

· Hellinger, Bert, Riconoscere ciò che è – La forza rivelatrice delle costellazioni familiari, Ed. Urra-Apogeo 2000 (che è con traduzione di Silvia Miclavez del libro Anerkennen, was ist, Kösel 1996 - l'intervista fattagli da Gabriella ten Hövel.

· Keeney, Bradford, P., L'estetica del cambiamento, Roma, Astrolabio Ubaldini 1985.

· Kutschera, Ilse; autrice con Christine Schäffler del libro Ma cosa mi sta succedendo? Sintomi e malattie alla luce della rappresentazioni sistemiche, ALCI Edizioni.

· Levine Peter, Somatic Experiencing – Esperienze somatiche nella risoluzione del trauma, Astrolabio Ubaldini 2014.

· Maharshi, Ramana, Sii ciò che sei, di D. Godman, Vicenza, Il Punto d'Incontro.

· Marianne Franke-Gricksch, Tu sei uno di noi, Edizioni Crisalide.

· Maturana, Humberto R.; Varela, Francisco J., L'albero della conoscenza, Milano, Garzanti.

· Meister Eckehart, I sermoni, Milano, Edizioni Paoline 2002.

· Schneider, Jakob e Sieglinde, Costellazioni Familiari e Sistemiche nelle sessioni individuali con le figurine, ALCI Edizioni.

· Shazer, Steve de, Chiavi per la soluzione in terapia breve, Roma, Astrolabio Ubaldini 1986.

· Varela, Francisco J.; Thompson, Evan., La via di mezzo della conoscenza, Milano, Feltrinelli 1992.

· Watzlawik, Paul (a cura di), La realtà inventata: contributi al costruttivismo, Milano, Feltrinelli 2006.

· Weber Gunthard, Zweierlei Glueck. Die Systemiche Psycotherapie Bert Hellingers, Carl-Auer-Systeme Verlag, Heidelberg, I edizione 1993, II edizione completata e corretta 1993, 332 pp. Questo libro è stato poi riordinato e tradotto in inglese da Hunter Beaumont, diventando Love's Hidden Symmetry – What Makes Love Work in Relationships, Phoenix, AZ, Zeig, Tucker, 1998, 330 pp. Quest'ultimo è poi stato tradotto in italiano con il titolo I due volti dell'amore – Come far funzionare l'amore nelle relazioni, Crisalide Edizioni 2002.

· Zurhorst, Eva Maria, La coppia che funziona. Ama te stesso, non importa chi sposerai, Milano, Tecniche Nuove Aprile 2007.