Costanzo I Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costanzo I Sforza
Gianfrancesco enzola, medaglia di costanzo sforza, verso.JPG
Gianfrancesco Enzola, medaglia di Costanzo Sforza.
Signore di Pesaro e Gradara
Stemma
In carica 1473 - 1483
Predecessore Alessandro Sforza
Successore Giovanni Sforza
Nascita 1447
Morte 1483
Dinastia Sforza
Padre Alessandro Sforza
Madre Costanza da Varano
Consorte Camilla da Marzano
Figli Giovanni (naturale)
Galeazzo (naturale)
Religione Cattolica
Signoria di Pesaro
Sforza
Coat of arms of the House of Sforza.svg

Alessandro
Figli
Costanzo
Figli
Giovanni
Figli
Costanzo II
Modifica

Costanzo I Sforza (14471483) è stato un condottiero italiano, signore di Pesaro e Gradara.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Alessandro e di Costanza da Varano sua prima moglie.

Succedette al padre (1473) nella signoria della città di Pesaro e la mantenne sino alla morte.

Fu valoroso uomo d'armi e prese parte a molte guerre del suo tempo; il che non gli impedì di essere anche un mecenate e mite reggente della città, che a lui deve la costruzione della rocca.

Alla morte gli succedette il figlio Giovanni Sforza.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Costanzo sposò nel 1475 Camilla (Covella) da Marzano figlia di Giovanni Francesco Mariano, detto Marino da Marzano 3º Duca di Sessa e Principe di Rossano e di Eleonora Diana d’Aragona, figlia naturale e legittimata del re Alfonso V d'Aragona, ma non ebbero figli[1].

Costanzo ebbe anche due figli naturali:[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Patrizia Sardina, MARZANO, Marino, DBI, Vol. LXXI, 2008
  2. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Attendolo di Cotignola in Romagna, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Attendolo di Cotignola in Romagna, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signori di Pesaro Successore Coat of arms of the House of Sforza.svg
Alessandro Sforza 14731483 Giovanni Sforza
Controllo di autorità VIAF: (EN1776035 · LCCN: (ENn97875915 · ISNI: (EN0000 0000 6150 1176 · BNF: (FRcb14590412j (data)