Costanzo Felici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Costanzo Felici (Casteldurante, 1525Pesaro, 1585) è stato un botanico e naturalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Felice, nella sua giovinezza visse a corte dei Brancaleoni a Piobbico e compì ricerche naturalistiche.

Note sono le sue lettere all'amico Ulisse Aldrovandi. Scrisse un trattato in forma di lettera che è un catalogo ragionato di tutte le piante commestibili, spontanee e coltivate. In quell'epoca la figura di naturalista non era separata da quella di medico, essendo spesso le cure basate su piante e altri prodotti naturali, animali e minerali.

In suo onore il comune di Piobbico ha istituito il premio Costanzo Felici che consiste nella riproduzione del Cammeo Amore e Psiche, sul quale il medico Felici si era espresso nella sua opera letteraria sulla avifauna; tra i premiati vi sono stati personaggi del calibro di Antonino Zichichi, Gabriele La Porta, Giorgio Celli e Margherita Hack.[1]

Non va confuso con l'omonimo zio paterno giureconsulto e letterato.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il calendario ouero Ephemeride historico, Doue transcorrendo per li dodici mesi dell'anno ogni giorno si può trouare molte notabil cose successe al mondo & fatti degni & nascimenti d'huomini illustri & de christiani, coli santi, come altri raccolti tanto dall'historia ecclesiastica, quanto profana & gentile, diuisa in due parti di sei in sei mesi, In Urbino, appresso Battista de' Bartoli vinitiano, 1577.
  • Trattato del grand'animale o gran bestia, così detta volgarmente, & delle sue parti e facultà, e di quelle del ceruo, che seruono a' medici, d'Apollonio Menabeni medico e filosofo & del medemo del ceruo rangifero e del gulone, dalla latina tradotto nell'italiana lingua da m. Costanzo Felici medico & da lui aggiunto in molti luochi. Et del medemo m. Costanzo Delle virtù & proprietà del lupo, In Rimino, per Gio. Simbeni & compa., 1584.
  • Del'insalata e piante che in qualunque modo vengono per cibo dell'homo, a cura di Guido Arbizzoni, Urbino, Quattro venti, 1986.
  • Passatempi e capricci. Le olive e i funghi, gli uccelli e il lupo nei trattati di Costanzo Felici, [a cura di] Giorgio Nonni, Urbino, Quattroventi, 2005.
  • Il trattatello sui funghi di Costanzo Felici da Piobbico (XVI secolo), a cura di Giorgio Nonni, Fano, Metauro, 2015.
  • Il trattatello sulle olive di Costanzo Felici da Piobbico (XVI secolo), a cura di Giorgio Nonni, Fano, Metauro, 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Nonni, Costanzo Felici, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 46, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1996.
  • Costanzo Felici da Piobbico. Lettera sulle insalate. Lectio nona de fungis, Presentazione di Enzo Cecchini, Contributi di Guido Arbizzoni, Delio Bischi, Giorgio Nonni, Piera Scaramelli Petri, Urbino, Accademia Raffaello, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10683105 · ISNI (EN0000 0000 6157 7525 · SBN IT\ICCU\CFIV\017319 · LCCN (ENn83149504 · GND (DE120669382 · BNF (FRcb103941839 (data) · BAV ADV10222571 · CERL cnp01120964 · WorldCat Identities (ENn83-149504
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie