Costanza di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costanza di Borgogna
Regina consorte di Castiglia e Leòn
In carica 1079 –
1093
Predecessore Agnese d'Aquitania
Successore Berta di Borgogna
Nascita 1046
Morte 1093
Luogo di sepoltura Monastero Reale benedettino dei Santi Facondo e Primitivo a Sahagún
Dinastia Capetingi
Padre Roberto I di Borgogna
Madre Helie di Semur[1]
Coniugi Ugo II di Chalon
Alfonso VI di León
Figli Urraca e
Elvira, di secondo letto
Religione cattolica

Costanza di Borgogna, in lingua francese Constance de Bourgogne (10461093), fu contessa consorte di Chalon, dal 1065 al 1079 e poi fu Regina consorte di Castiglia e Leòn, dal 1079 alla sua morte, in quanto seconda moglie del re di Castiglia e di León, Alfonso VI di León.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Ex chronico Ternociensis era figlia del conte di Charolais e di Langres, duca di Borgogna e anche conte d'Auxerre, Roberto I[2] e di Helie di Semur[1], figlia di Dalmazio, signore di Semur, come risulta da Le cartulaire de Marcigny-sur-Loire 1045-1144 (Dalmatius pater sancti Hugonis abbatis Cluniacensis et Gaufredi Sinemurensi[s], Andrae levitae, Joceranni et Dalmatii et sororum eorumdem scilicet Materdis, Adalaidae et Ceciliae atque Evellae) e di Aremburga[3].
Roberto I di Borgogna, come ci conferma l'Actus 9 del Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet, era il figlio maschio terzogenito del re di Francia e duca di Borgogna, Roberto II e della sua terza moglie, Costanza d'Arles[4], che ancora secondo Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet Actus 9, era figlia del conte d'Avignone, conte di Provenza e marchese di Provenza, Guglielmo I e di Adelaide d'Angiò[4] (947 - 1026), figlia del Conte d'Angiò e poi, conte di Nantes e duca di Bretagna, Folco II (sempre secondo Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet Actus 9, Adelaide era la sorella del conte d'Angiò, Goffredo detto Grisegonelle[4], figlio di Folco II secondo la Chronica de Gesta Consulum Andegavorum, Chroniques d'Anjou[5]) e di Gerberga (secondo lo storico Maurice Chaume era figlia del Visconte Goffredo d'Orleans).
Fu la nipote del re di Francia, Enrico I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Verso il 1065, Costanza fu data in moglie al conte di Chalon, Ugo II.
Questo matrimonio ci viene confermato da una citazione in un documento della Histoire de l'abbaye royale et de la ville de Tournus, avec les preuves, inerente ad una donazione, datata 1087, del nipote di Costanza, il duca di Borgogna, Oddone I[6].

Nel 1078, il marito, Ugo II, al seguito del duca di Borgogna, Ugo I, per combattere i Mori, si recò nella penisola iberica[7], dove, nell'anno successivo, morì[7].

Rimasta così vedova, Costanza andò sposa nel 1080 ad Alfonso VI di León, re di Castiglia e di León, che, a sua volta, era rimasto vedovo della sua prima moglie, Agnese di Poitiers, deceduta nel 1078.
Anche questo matrimonio ci viene confermato da una citazione in un documento della Histoire de l'abbaye royale et de la ville de Tournus, avec les preuves, inerente ad una donazione, datata 1087, del nipote di Costanza, il duca di Borgogna, Oddone I[6].

Il documento n° 3533 del Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny. Tome 4, della regina Urraca, di incerta datazione, nel periodo in cui era regina di Galizia (1107 circa), ricorda di essere figlia di Alfonso e Costanza (infanta donna Urraka totius Galletie domina et imperatoris domni Adefonsi filia et Constantie regine nata)[8].

Durante tutto il periodo del suo matrimonio, Costanza dovette sopportare le infedeltà del suo secondo marito. Si narra che abbia fatto pressioni su Alfonso affinché levasse il bando al Cid Campeador. Fece appello a sant'Adelelmo di Burgos affinché il rito romano sostituisse il rito mozarabico nella liturgia[9].

Da un documento della Colección diplomatica de San Salvador de Oña 822-1284, Tomo I 822-1214 (non consultata), Costanza controfirmò una donazione del marito Alfonso, datata 1 maggio 1092[9].

Secondo la Historia del Real Monasterio de Sahagún, la regina Costanza morì all'incirca il 25 ottobre 1093[10], senz'altro prima di quella data in quanto il nome di Costanza non compare in un documento di donazione del marito Alfonso, datato 25 ottobre 1093[9].
Alla sua morte venne sepolta nel Monastero Reale benedettino dei Santi Facondo e Primitivo a Sahagún, in una cappella del quale verà successivamente sepolto anche il suo secondo marito Alfonso VI di León[10].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Dal primo marito, Ugo di Chalon, Costanza non ebbe figli[7].

Dal matrimonio con Alfonso VI di León invece nacquero due figlie[9][11]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Castiglia Successore
Agnese di Aquitania
1079 - 1092 Berta
Predecessore Regina consorte di León Successore
Agnese di Aquitania
1079 - 1092 Berta