Costanza d'Aragona (1305-1344)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Costanza d'Aragona o di Sicilia (1305Cipro, 19 aprile 1344) fu una principessa siciliana appartenente alla dinastia degli Aragona. Fu regina di Cipro e Gerusalemme e poi regina di Armenia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del re Federico III di Aragona e di Eleonora d'Angiò.

Ad un anno d'età la ragion di stato le impose come fidanzato il principe Roberto di Francia, figlio di Filippo IV di Francia e di Giovanna I di Navarra. Nel 1307 il fidanzamento venne rotto per la morte del promesso sposo.

Nuove trattative matrimoniali vennero aperte dieci anni più tardi e si conclusero col matrimonio tra Costanza e Enrico II di Cipro, celebrate il 16 ottobre 1317 nella chiesa di Santa Sofia in Nicosia[1]. Costanza divenne così regina consorte di Cipro e Gerusalemme, titolo che mantenne per sette anni fino alla morte di Enrico avvenuta il 31 agosto 1324.

Alcuni anni dopo Costanza, ancora giovane, venne coinvolta in altre trattative matrimoniali che sfociarono in un secondo matrimonio: il 29 dicembre 1331 divenne moglie del re Leone V d'Armenia[1]. Leone, già fortemente filo-occidentale, volle che il matrimonio consacrasse l'unione della chiesa armena e romana suscitando però il malcontento della nobiltà armena, che si oppose anche all'unione con Costanza. I sentimenti anti-occidentali sfociarono nell'assassinio di Leone avvenuto il 28 dicembre 1341.

Costanza si trovò così vedova per la seconda volta e senza aver generato figli. Due anni dopo nel 1343[1], a quasi quarant'anni, la ragion di stato le impose un terzo matrimonio stavolta con Giovanni di Lusignano, Reggente di Cipro e Principe Titolare d'Antiochia e più giovane di lei di quasi vent'anni.

Costanza morì l'anno dopo e Giovanni si risposò con Alice di Ibelin da cui ebbe un figlio ed erede, Giacomo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Barcelona 3 Archiviato il 3 maggio 2011 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]