Cosimo de' Pazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosimo de' Pazzi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Stemma dei vescovi della famiglia Pazzi.png
Incarichi ricoperti Vescovo di Oloron (1492-1497)
Vescovo di Arezzo (1497-1508)
Arcivescovo di Firenze (1508-1513)
Nato 9 dicembre 1466, Firenze
Deceduto 8 aprile 1513, Firenze

Cosimo de' Pazzi (Firenze, 9 dicembre 1466Firenze, 8 aprile 1513) è stato un abate e arcivescovo cattolico italiano appartenente alla famiglia fiorentina dei Pazzi.

Stemma dei Pazzi

Era figlio di Guglielmo de' Pazzi e di Bianca de' Medici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera ecclesiastica come canonico dell'arcidiocesi Metropolitana di Firenze nel 1475, passando in seguito a ricoprire il ruolo di abate in vari luoghi: a Santa Margherita a Tosina, a San Pietro a Montegonzi (come priore) e a San Fedele a Poppi.

Entrato nella curia vaticana come canonico di San Pietro in Vaticano, fu in seguito vescovo di Oloron dal 10 dicembre 1492. Nel 1496 fu inviato come ambasciatore presso l'Imperatore Massimiliano I, e nel 1497 divenne vescovo di Arezzo. Fu ambasciatore anche in Spagna, in Francia, presso Cesare Borgia (1501) e a Roma (1503).

Dopo essere stato Governatore di Forlì nel 1506, fu nominato arcivescovo di Firenze dal 1508, dopo Rinaldo Orsini. Fu un diligente uomo di Chiesa, come ci riportano le cronache dell'epoca. A Firenze compì una vista pastorale nelle parrocchie e tenne un sinodo nel 1508.

Alla sua morte fu sepolto in Santa Maria del Fiore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa fiorentina, Curia arcivescovile, Firenze 1970.
Predecessore Vescovo di Oloron Successore BishopCoA PioM.svg
Sanche de Casenave 1492-1497 Juan López
Predecessore Vescovo di Arezzo Successore BishopCoA PioM.svg
Gentile de' Becchi 1497-1508 Raffaele Riario
Predecessore Arcivescovo di Firenze Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Rinaldo Orsini 1508-1513 Giulio de' Medici
Controllo di autoritàVIAF: (EN77246071