Cosimo Quarta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cosimo Quarta (Leverano, 22 ottobre 1941Lecce, 17 ottobre 2016) è stato un filosofo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Filosofo dell'utopia fu uno dei maggiori studiosi di Tommaso Moro[1][2], sul quale scrisse il libro Tommaso Moro - Una reinterpretazione dell'utopia. Docente di Filosofia della Storia ed Etica ambientale presso l'Università del Salento, fu uno studioso di Platone sul quale scrisse L'utopia platonica - Il progetto politico di un grande filosofo. Tra i fondatori del Centro interdipartimentale di ricerca sull'utopia[3][1] è morto, a seguito di infarto cardiaco[2], il 17 ottobre 2016[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tommaso Moro - Una reinterpretazione dell'utopia, 1993, Edizioni Dedalo, ISBN 978-8822061126
  • Thomas More, 1993, ECP
  • L'utopia platonica - Il progetto politico di un grande filosofo, 1993, Edizioni Dedalo, ISBN 978-8822061461
  • Globalizzazione, giustizia, solidarietà, 2004, Edizioni Dedalo, ISBN 978-8822062727
  • Una nuova etica per l'ambiente, 2006, Edizioni Dedalo, ISBN 978-8822062918
  • Homo utopicus - La dimensione storico-antropologica dell'"utopia", 2015, Edizioni Dedalo, ISBN 978-8822063274

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Lutto nell’Università del Salento: scomparso il professor Cosimo Quarta, in TR News.it. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  2. ^ a b Lutto per la cultura, è morto Cosimo Quarta, filosofo dell'utopia. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  3. ^ Centro interdipartimentale di ricerca sull'utopia, unisalento.it. URL consultato il 22 ottobre 2016.
Controllo di autorità VIAF: (EN66495226 · ISNI: (EN0000 0000 6630 1667 · GND: (DE132309602 · BNF: (FRcb12096899v (data)