Corto Maltese (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Corto Maltese è stata una rivista antologica italiana di fumetti edita dal 1983 al 1993 dalla Milano Libri Edizioni, etichetta della Rizzoli. La rivista prendeva il nome dall'omonimo celebre personaggio ideato da Hugo Pratt.[1][2] Durante la sua vita editoriale ha pubblicato opere a fumetti dei migliori autori del panorama italiano ed estero.[3]

Corto Maltese
fumetto
Lingua orig.lingua italiana
PaeseItalia
EditoreRizzoli - Milano Libri Edizioni
1ª edizioneottobre 1983 – luglio 1993
Periodicitàmensile
Albi118 (completa)
Genereavventura

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la chiusura di alterlinus, la Milano Libri, già editrice di linus, volle comunque riprovare a proporre una pubblicazione dedicata a storie a fumetti per un pubblico colto ed esigente[4] e nel 1983, dopo un lungo battage pubblicitario, fece uscire la rivista Corto Maltese.

Il ruolo di direttore responsabile fu affidato a Fulvia Serra, che della rivista era l'ideatrice e che, dal 1981 al 1995, diresse anche linus, storica rivista italiana di fumetti e cultura. Stampata su carta patinata, di formato decisamente grande, con molte pagine a colori e storie di alto livello, Corto Maltese proponeva ai suoi lettori una serie di racconti e reportage di viaggio che descrivevano usi e costumi di popoli esotici e spesso primitivi (o recensioni di libri sullo stesso argomento), che si alternavano ai fumetti veri e propri, che a loro volta parlavano spesso di avventure in luoghi esotici e spesso primitivi. Ogni numero iniziava con un editoriale in cui Fulvia Serra si raffigurava come il “capitano” di una nave ammiraglia in viaggio verso luoghi esotici e lontani, ai cui lettori, chiamati “compagni di viaggio”, proponeva ogni volta nuove mete ed escursioni[5].

I primi numeri contenevano soprattutto storie di importanti autori italiani come Hugo Pratt, Milo Manara, Guido Crepax, Andrea Pazienza, Sergio Toppi, Attilio Micheluzzi, Dino Battaglia, Vittorio Giardino e Altan, in seguito fecero la loro comparsa anche prestigiosi autori stranieri come Moebius, Frank Miller, Dave McKean e Alan Moore. Vennero nel tempo ideati e pubblicati inserti di varia natura, alcuni dei quali portarono in Italia Man of Steel, V for Vendetta, Watchmen e Black Orchid. Dal 1988 al 1993 in molti numeri della rivista erano presenti degli inserti con storie di autori americani come Neil Gaiman e Alan Moore.[2] Il grande formato della rivista consentiva riprodurre al meglio fumetti pubblicati a puntate su più numeri.[3] La testata ha cessato le pubblicazioni nel luglio del 1993[1][2] dopo un decennio nel quale aveva proposto prodotti di alta qualità. Fu costretta alla chiusura, come molte altre riviste a fumetti d'autore di quel periodo, per l'incapacità di reggere la concorrenza di pubblicazioni di qualità e soprattutto costi minori.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Corto Maltese, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 13 giugno 2017.
  2. ^ a b c FFF - Testate, CORTO MALTESE, su www.lfb.it. URL consultato il 13 giugno 2017.
  3. ^ a b Corto Maltese, storica rivista di fumetti degli anni '80, su www.slumberland.it. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  4. ^ a b alterlinus, alteralter e il grande alter - La grande avventura a fumetti dal 1974 al 1986, su www.slumberland.it. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  5. ^ Corto Maltese - Una rivista sbagliata, su giornalepop.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti