Correre per ricominciare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Correre per ricominciare
Correre per ricominciare.png
Aryn Wright-Thompson (a destra) in una scena del film
Titolo originaleOvercomer
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata115 min
Generedrammatico, sportivo, religioso
RegiaAlex Kendrick
SceneggiaturaAlex Kendrick, Stephen Kendrick
Casa di produzioneKendrick Brothers, Provident Films
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaBob Scott
MusichePaul Mills
Interpreti e personaggi

Correre per ricominciare (Overcomer) è un film statunitense del 2019 diretto da Alex Kendrick.

Kendrick, affiancato nella produzione e nella sceneggiatura, dal fratello Stephen, interpreta e dirige per la sesta volta un film caratterizzato da una profonda spiritualità cristiana.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hannah Scott, una ragazza delle superiori che ama allenarsi nella corsa ma che soffre d'asma e cleptomania, viene allenata da John Harrison, insegnante di educazione fisica e storia, per praticare corsa campestre.

L'uomo era l'allenatore di pallacanestro maschile della Brookshire School, ma questa attività, come tante altre, sono state soppresse per effetto della chiusura di una grande fabbrica, che ha determinato l'abbandono di una grande parte di popolazione della cittadina di Franklin, con conseguente diminuzione di studenti e impoverimento generale di risorse.

Harrison, dirottato dal suo sport preferito alla corsa, è frustrato per questi cambiamenti, come in parte anche sua moglie, insegnante nella stessa scuola che, come lui, ha dovuto subire pure una riduzione dello stipendio.

John, fervente cristiano, durante un'attività di volontariato in ospedale, conosce per caso un degente cieco e gravemente malato, Thomas Hill, campione di corsa in gioventù, che lo consiglia su come allenare la sua unica allieva Hannah. Dopo averne approfondito un po' la conoscenza, John scopre che Thomas è il padre di Hannah, che lei per altro crede morto, essendo questo quello che le ha detto sua nonna che l'ha cresciuta, dopo che il padre tossicodipendente aveva traviato la madre di Hannah, poi morta, e abbandonato la famiglia.

Grazie a John e alla moglie Amy, Hannah scopre l'esistenza del padre e lo va ad incontrare in ospedale, scoprendo che è diventato una persona nuova dopo aver abbracciato la fede cristiana. La stessa Hannah, consigliata dalla direttrice della scuola, attraverso la lettura dei testi sacri, riesce a guardare alla vita con occhi nuovi e ritrova serenità e fiducia in se stessa, tanto da restituire tutti gli oggetti rubati, e, grazie a John e Thomas, migliorare enormemente nei suoi risultati sportivi.

La vittoria a sorpresa nella finale dello stato è il suggello all'impegno e alla forza interiore di Hannah e delle persone che le sono state vicine, in particolar modo il padre, che muore poco tempo dopo essendo riuscito a lasciare qualcosa di sé alla figlia che non ha visto e non vedrà crescere.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'idea che ha portato alla creazione del film è arrivata proprio al regista Alex Kendrick, nel 2011, mentre questo stava assistendo a lezioni di sci di fondo per bambini; ha poi descritto la dinamica dell'evento:

Ho visto molti padri allenare i propri figli, parlare con loro, incitarli… [e] mi ricordo che San Paolo nelle Scritture parlava della vita, descrivendola come una 'corsa'. Poi, mentre stavamo pregando e pronunciavamo la formula: 'Signore, cosa vuoi che facciamo?', ci è tornato in mente questo concetto, così come la spinta a parlare di identità religiosa nello sport.[1]

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la natura religiosa del film e le precedenti produzioni dei due fratelli Kendrick, il regista Kendrick ha detto:

Il nostro [scopo] primario è aiutare le persone, che già conoscono Gesù Cristo, a continuare a crescere e a vivere la propria fede.

Ma c'è della verità nei nostri film, che si diffonderà anche nel pubblico laico: infatti, molte persone che guardano i nostri film sono colpite dai loro messaggi, anche se non condividono la nostra fede, ne professano un'altra o sono liberamente atei.

Possiamo fare un film, ma solo Dio può cambiare il cuore delle persone.[2]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte tra giugno e luglio 2018, principalmente nella città di Columbus[3], nella Georgia occidentale, nonché ad Albany, sempre in Georgia.[4]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora, composta da Paul Mills, nella sua seconda collaborazione con Kendrick dopo Le armi del cuore, include la canzone di grande successo, a tema proprio cristiano, You Say di Lauren Daigle, che detiene il primo posto per le 62 settimane seguenti alla sua uscita;[5] essa ha anche superato e raggiunto il numero 1 nelle classifiche di genere Adult Contemporary.[6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Correre per ricominciare è stato proiettato in anteprima in diverse città statunitensi, prima tra tutte Atlanta, capitale della Georgia e principale location del film; ha anche avuto un'ancora precedente, il 28 marzo 2019, ai National Religious Broadcasters.[7]

Il film è poi uscito nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 23 agosto dello stesso anno.[8]

Alex Kendrick nel periodo d'anteprima del film

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Venendo distribuito tra Stati Uniti e Canada in contemporanea con Attacco al potere 3, il film ha guadagnato 3 milioni di dollari soltanto nel suo primo giorno, per poi raggiungere già gli 8 milioni al termine della sua prima settimana di proiezioni.[9][10] Il film ha infine incassato, a gennaio 2020, circa $ 38 milioni a livello mondiale.[11]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito web Rotten Tomatoes, il film riceve il 56% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 6/10, basato su 18 recensioni.[12]

Invece su Metacritic il film ottiene un bassissimo punteggio medio di 17 su 100, basato su 5 critiche, indicando "antipatia schiacciante";[13] al contrario, il pubblico intervistato da CinemaScore ha assegnato al film un raro voto pieno di "A+" su una scala da A+ a F.[14]

Common Sense Media ha assegnato al film 4 stelle su 5, scrivendo che "la regia di Kendrick migliora di volta in volta e si merita il suo posto a capo del cinema di fede", ma, tuttavia, criticando gli "stereotipi razziali" presenti in esso, non senza dubitare anche della necessità di aggiungere il personaggio di John, interpretato proprio da Alex Kendrick.[15]

Il Los Angeles Times ha offerto del film una recensione mista, criticando gli "eccessivi sentimentalismi" della sceneggiatura, ma elogiando la conclusione "emotivamente efficace, in grado di convincere anche i più cinici."[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 'You Are Who God Says You Are': What New Faith-Based Film 'Overcomer' Is All About, su CBN News, 22 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  2. ^ Ben McEachen | August 20th, 2019 01:27 Pm, Fireproof and War Room team share secret of success, su Eternity News, 20 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  3. ^ (EN) Jeannie Ortega Law, Kendrick Bros. Release Teaser Trailer for 'Overcomer', su christianpost.com, 1-11-2018. URL consultato il 10-1-2022.
  4. ^ (EN) Jeannie Ortega Law, Christian Post Reporter, Kendrick Bros. Release Teaser Trailer for 'Overcomer', su The Christian Post, 1º novembre 2018. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  5. ^ (EN) Caleb Parke, Lauren Daigle's Christian song just broke the record with 62 weeks at No. 1 in the category, su Fox News, 4 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  6. ^ (EN) Gary Trust, Gary Trust, Lauren Daigle’s ‘You Say’ Completes Record Crossover to No. 1 on Adult Contemporary Chart, su Billboard, 5 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  7. ^ Proclaim 19 to Feature Alex Kendrick, Upcoming Film ‘Overcomer’ - NRB.org, su web.archive.org, 22 marzo 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2019).
  8. ^ Alex Kendrick, Overcomer, Affirm Films, Provident Films, 23 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  9. ^ 'Angel has Fallen' Looks to Rise to Weekend #1, su Box Office Mojo. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  10. ^ Domestic 2019 Weekend 34, su Box Office Mojo. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  11. ^ Overcomer, su Box Office Mojo. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  12. ^ (EN) Overcomer. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  13. ^ Overcomer. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  14. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, Gerard Butler’s ‘Angel Has Fallen’ Rises Near Franchise’s ‘London’ Sequel With $21M+ Opening – Sunday Final B.O., su Deadline, 25 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  15. ^ (EN) Overcomer Movie Review | Common Sense Media, su www.commonsensemedia.org. URL consultato il 12 ottobre 2022.
  16. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Review: ‘Overcomer’ reaches the finish line — eventually, su Los Angeles Times, 23 agosto 2019. URL consultato il 12 ottobre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]