Corrado di Baviera (1883-1969)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principe Corrado di Baviera
Conrad of Bavaria LCCN2014699595.jpg
Principe di Baviera
Stemma
Nascita Monaco, Regno di Baviera, 22 novembre 1883
Morte Hinterstein, Germania, 6 settembre 1969
Luogo di sepoltura Monastero di Andechs
Padre Leopoldo di Baviera
Madre Gisella d'Austria
Consorte Bona Margherita di Savoia-Genova
Figli Amalia di Baviera
Eugenio di Baviera

Corrado Liutpoldo Francesco di Baviera (Monaco di Baviera, 22 novembre 1883Hinterstein, 6 settembre 1969) è stato un membro della Casa di Wittelsbach ed un generale tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo di Baviera, Gisella d'Asburgo-Lorena, Corrado e i suoi fratelli fotografati da Joseph Albert nel 1885

Corrado era il quarto figlio di Leopoldo di Baviera e di sua moglie, la principessa Gisella d'Asburgo-Lorena. L'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria e l'imperatrice Sissi erano i suoi nonni materni.

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Corrado è stato l'ultimo comandante del secondo Reggimento Cavalleria Pesante durante la prima guerra mondiale in Russia ed in Europa orientale. Il reggimento fu disciolto a Landshut il 6 febbraio 1919.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 1921, presso il Castello di Agliè, vicino a Torino, sposò Maria Bona di Savoia-Genova (1896-1971), figlia di Tommaso di Savoia, secondo duca di Genova.

La cerimonia religiosa venne celebrata dal cardinale Agostino Richelmy, arcivescovo di Torino, e vide la partecipazione, fra gli altri, del re Vittorio Emanuele III, del principe ereditario Umberto e dei principi delle case Savoia-Genova e Savoia-Aosta.[1]

Il matrimonio è noto per essere stato il primo fra due casate storicamente nemiche dalla fine della prima guerra mondiale e per aver riunito membri delle case Savoia, Wittelsbach e Asburgo.[1]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Corrado di Baviera morì a Hinterstein il 6 settembre 1969. La sua tomba si trova nel cimitero del Monastero di Andechs, in Germania.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Corrado e Maria Bona ebbero due figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Corrado di Baviera Padre:
Leopoldo di Baviera
Nonno paterno:
Luitpold di Baviera
Bisnonno paterno:
Ludovico I di Baviera
Trisnonno paterno:
Massimiliano I Giuseppe di Baviera
Trisnonna paterna:
Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Teresa di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno paterno:
Federico di Sassonia-Altenburg
Trisnonna paterna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Nonna paterna:
Augusta Ferdinanda d'Asburgo-Toscana
Bisnonno paterno:
Leopoldo II di Toscana
Trisnonno paterno:
Ferdinando III di Toscana
Trisnonna paterna:
Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli
Bisnonna paterna:
Maria Anna Carolina di Sassonia
Trisnonno paterno:
Massimiliano di Sassonia
Trisnonna paterna:
Carolina di Borbone-Parma
Madre:
Gisella d'Asburgo-Lorena
Nonno materno:
Francesco Giuseppe I d'Austria
Bisnonno materno:
Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena
Trisnonno materno:
Francesco II d'Asburgo-Lorena
Trisnonna materna:
Maria Teresa di Borbone-Napoli
Bisnonna materna:
Sofia di Baviera
Trisnonno materno:
Massimiliano I Giuseppe di Baviera
Trisnonna materna:
Carolina di Baden
Nonna materna:
Elisabetta di Baviera
Bisnonno materno:
Massimiliano Giuseppe in Baviera
Trisnonno materno:
Pio Augusto in Baviera
Trisnonna materna:
Amalia Luisa di Arenberg
Bisnonna materna:
Ludovica di Baviera
Trisnonno materno:
Massimiliano I Giuseppe di Baviera
Trisnonna materna:
Carolina di Baden

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Italian Princess to wed Bavarian, su query.nytimes.com. URL consultato il 2 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN81281209 · GND (DE137034814 · WorldCat Identities (EN81281209
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie