Corpo musicale Città di Treviglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corpo musicale Città di Treviglio
Paese d'origineItalia Italia
GenereMusica classica
Musica leggera
Musical
Musica tradizionale
Periodo di attività musicale1820 – in attività
Sito ufficiale

Il Corpo Musicale Città di Treviglio è un'orchestra di fiati, diretta dal maestro Paolo Belloli e ha sede a Treviglio in provincia di Bergamo.

La Banda nacque, secondo un testo di Tullio Santagiuliana, nel 1820 e il primo concerto avvenne il 27 febbraio 1822, per celebrare il Miracolo della Madonna delle Lacrime di Treviglio a 300 anni dal suo avvenimento.[1] Il governo austriaco, però, autorizzò formalmente l'istituzione della banda solo il 7 aprile 1833.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

La banda fu creata nel 1820 dalla famiglia trevigliese dei Brugnetti[2], ma non è noto il nome del fondatore. Nei documenti dell'Archivio di Stato si parla della "Filarmonica", come era chiamato allora il Corpo Musicale, che fu oggetto di un rapporto alla polizia in quanto avendo bisogno di una divisa, dovette chiedere, nel 1845, l'autorizzazione di indossarla alle autorità del Regno Lombardo-Veneto. II 10 agosto 1845 al corpo bandistico venne concessa l'uniforme, completa di sciabola, che sarà poi bandita per problemi di sicurezza nel 1855.

La "Società Filarmonica della Banda di Treviglio", per essere approvata, dovette presentare all'Imperiale Regio Governo, nel 1833, dei capitoli in cui venivano stabilite le regole di comportamento per i musicisti. Tra i capitoli presentati vi erano questi:

«Desiderando questi filarmonici dilettanti riunirsi fra loro in società per la formazione di un corpo di Banda nel Borgo di Treviglio Capo Luogo del Distretto X, della Provincia di Bergamo, hanno perciò li med. convenuto, e convengono colla presente da valere come atto Pubblico, ed in ogni miglior modo, e colla quale I. Di pieno consenso e comune accordo hanno li med. nominato e nominano il loro Direttore il S.r Gio. M.a Brugnetti fig.o del vivente Sig.r Gio. di Treviglio obbligandogli ciascuno di Essi a sottostare ed adempire quanto sarà loro imposto e prescritto pel maggior vantaggio e buona direzione del corpo sociale.

II. Ciascuno di essi Socj si obbliga di intervenire alla Scuola che per istruzione si terrà in casa del sud.o Direttore al Mercoledì e Sabato di ogni settimana nella stagione jemale, ed alla mattina di ogni giorno festivo nella stagione estiva, non che ad ogni straordinario invito che potrà essere loro fatto dal succitato S.r Direttore, per ogni urgente necessità di studio sotto pena di 30 Cent. p. ogni mancanza e di Cent. 15 a chi v'intervenisse mezz'ora più tardi dell'Orario prefissato dall'apposita tabella affissa nel locale della Scuola. [...]

IV. Ogni individuo componente della Banda dovrà provvedersi di quell'istrumento a cui intende applicarsi, manterlo in buono stato, e cambiarlo all'occorrenza il tutto a proprie spese, escluso però il Tamburone, Tamborella, Sistro Chinese e Piatti, la compera e manutenzione de' quali sarà a carico sociale, a riserva della pulitezza appartenente al suonatore. [...]

XI. Tutti li accordi saranno fatti esclusivamente dal Direttore il quale ne riceverà l'ammontare ed alla fine d'ogni anno sarà compilato il conto dell'entrata ed uscita, e l'avvanzo ripartito fra li Socj in parti eguali.

XII. Qualunque socio che nell'esercizio delle sue funzioni si lasciasse trasportare dal vino, o commettesse qualche atto contro la buona morale e civiltà, ovvero non si portasse in chiesa col dovuto rispetto, ridendo, ciarlando, ecc. sarà punito colla multa di £ 3 - e dalla doppia se questo sarà il maestro, il quale è particolarmente incaricato di fare rigorosamente rispettare il presente patto. [...]

XVII. Finalmente si obbligano tutti gli ascritti Socj al più esatto e scrupoloso adempimento delle sud.e convenzioni, e nel caso sorgessero delle difficoltà o male intelligenze, promettono immancabilmente attenersi alla decisione del S.r Direttore

Firmato Gio. M.a Brugnetti Direttore»

[3]

Resta comunque il dubbio che la banda formata nel 1820 sia stata la ricostituzione di qualche formazione preesistente. L'ipotesi nasce dal fatto che nel 1810 la città di Treviglio aveva festeggiato il matrimonio di Napoleone Bonaparte e Maria Luisa d'Austria con concerti bandistici e che nel Cinquecento una banda suonò per la posa della prima pietra nella chiesa di San Giuseppe.

Il primo concerto della Filarmonica avvenne il 27 febbraio 1822 e aprì le celebrazioni del terzo centenario del Miracolo della Madonna delle Lacrime di Treviglio.

La Filarmonica suonò poi nel 1846, quando venne inaugurato il tratto Milano-Treviglio della Imperial Regia Strada Ferrata Milano-Venezia e nel 1848, quando a Treviglio si festeggiava la ritirata del Maresciallo Radetzky da Milano.

II 10 agosto 1845 al corpo bandistico venne concessa una nuova uniforme, completa di sciabola, la quale sarà poi bandita per problemi di sicurezza nel 1855.

Nel 1872 il corpo musicale si trovò ad avere troppi strumentisti e due maestri. Avvenne così la divisione in due formazioni: la Banda Civica, diretta dal maestro Pizzocchieri e in seguito dal maestro Aurelio Pozzi, e la Nuova Filarmonica "Giuseppe Verdi", diretta dal maestro Pietro Martinelli, a cui poi la città dedicò una via. Le due bande però, avevano l'abitudine di suonare indistintamente sia ai funerali e alle processioni religiose, sia ai cortei patriottici. In seguito al non expedit della Chiesa Cattolica, con cui papa Pio IX nel 1874 dichiarò inaccettabile per i cattolici italiani partecipare alla politica, nel 1896 i clericali fondarono la Banda San Carlo, la cui sede era l'istituto Salesiano e direttore Aurelio Pozzi. Le tre bande convissero dividendosi i compiti fino al 1914.[4]

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Pietro Martinelli, nel 1903, si susseguirono come direttori Gerlando Gueli e Pietro Boschi. Dopo la Prima Guerra Mondiale, il 1º luglio 1919, sotto la presidenza di Giuseppe Facchetti, le tre formazioni bandistiche si riunirono in una sola Banda Municipale e come direttore venne scelto il prof. Amilcare Mauri. In seguito Mauri si trasferì lontano da Treviglio e al suo posto arrivò il maestro Aurelio Mascetti.

Durante il fascismo la Banda attraversò un periodo di disorganizzazione. La Banda San Carlo, ricostituita alla fine della Seconda Guerra Mondiale, cessava la sua attività. Nel 1960 i musicisti della Banda San Carlo si trasferirono nella Banda Municipale, che diventò la nuova Banda Città di Treviglio, presieduta dal dott. Luigi Donarini e diretta dal maestro Antonio Franconi.

Dal 1986 la banda è presieduta dal ragioniere ed ex vice-sindaco di Treviglio Giuseppe Rozzoni e cambia denominazione: diventa il Corpo Musicale Città di Treviglio.

XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

Il Corpo Musicale adesso si concentra su un'attività prevalentemente concertistica proponendo musica di tutti i generi: originale per banda, trascrizioni di musica classica, lirica e musica leggera.

L'attuale formazione diretta dal Maestro Paolo Belloli, si compone di circa settanta elementi.

Quasi tutti gli attuali componenti provengono dal CeSM (Centro di Studi Musicali), la scuola di musica gestita dal Corpo Musicale, sotto la guida di professori diplomati.

Nel 2017 il "CeSM Young Ensemble", un gruppo di musicisti del Corpo musicale, ha partecipato a un progetto musicale a San Pietroburgo.[5]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la direzione del M° Belloli, il Corpo musicale ha collaborato, in occasione dei propri concerti, con vari artisti di fama nazionale e internazionale, tra cui:

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 ha partecipato al Concorso Nazionale di Cascina, in provincia di Pisa, e si è classificata prima, mentre nel 2001 a quello Internazionale di Riva del Garda e si è classificata quinta nella seconda categoria.[7]

Premi alla carriera e Premi "Giovane Promessa"[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2013, in occasione della festa di Santa Cecilia, la banda conferisce ai propri musicisti un premio alla carriera e dal 2014 uno alla "Giovane Promessa". I musicisti premiati sono stati:

Anno Premio alla carriera "Giovane Promessa"
2013 Giacomo Perego - clarinetto

Battista Carioli - flicorno

2014 Rudi Donghi - trombone Giulia Grimaldi - percussioni
2015 Davide Bellandi - trombone Riccardo Pasciuti - tromba
2016 Marco Carioli - clarinetto

Lorenzo Figlioli - tromba

Ilaria Belloli - clarinetto basso

Gianluca Cestone - trombone

Simone Schirosi - sax contralto

2017 Alessandro De Ponti - tuba Guido Resmini - percussioni
2018 Claudio Belloli - euphonium Fabio Lucchesi - flauto

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1986 il Corpo Musicale ha tenuto numerosi concerti a Treviglio, in varie località della Lombardia, in Piemonte e in Germania.

I concerti e i servizi in cui il Corpo Musicale suona ogni anno sono:

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Il concerto di Natale ormai da molti anni si svolge presso il PalaFacchetti a Treviglio, con ospiti d'eccezione, e per questo è diventato uno dei concerti più importanti dell'anno per la città.

Nel 2016, il Corpo Musicale ha dedicato il concerto d'estate all'artista trevigliese Trento Longaretti, per il suo centesimo compleanno.

Nel 2018, il concerto d'estate è stato dedicato al regista di origini trevigliesi Ermanno Olmi, vincitore del Festival di Cannes, deceduto due mesi prima.

Nel 2018, il concerto di Natale non si è tenuto al Palafacchetti, ma nella Basilica di San Martino in collaborazione con tre cori cittadini.

Trivilium[modifica | modifica wikitesto]

Il maestro Paolo Belloli ha dedicato a Treviglio un brano intitolato "Trivilium" (il nome della città in latino), diviso in tre parti: le tre parti più significative della vita medioevale del paese: Il lavoro, La preghiera e Il divertimento. Trivilium è stata suonata in prima assoluta dalla Banda musicale della Polizia di Stato diretta dal maestro Maurizio Billi ed è stata selezionata come brano d'obbligo per il Concorso Internazionale di Strasburgo e il Concorso Bandistico Internazionale Vallée d'Aoste del 2010.[8]

Processioni religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Processione del Corpus Domini
  • Feste Patronali

Servizi istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Sfilata del XV aprile
  • Concerto per la Festa della Repubblica
  • Corteo del IV novembre

Baghèt[modifica | modifica wikitesto]

Durante la settimana che precede il Natale, piccoli gruppi di strumentisti del Corpo Musicale si recano nelle case e nelle vie di Treviglio per suonare varie musiche natalizie. La tradizione del baghèt è tipica della zona orobica, di cui è originaria la cornamusa dalla quale questo "piccolo concerto" prende il nome. Il baghèt a Treviglio si conclude con una breve esibizione dopo la Messa di Natale.[9]

Junior Band[modifica | modifica wikitesto]

La Junior Band, formazione diretta dal Maestro Marco Carioli, primo clarinettista del Corpo Musicale Città di Treviglio, ha ormai una propria attività, non legata solamente all'aspetto didattico o ai saggi di fine corso, ma anche impegnata a sostenere concerti sia in ambito locale che in vari paesi della Provincia.[7]

In collaborazione con la cooperativa Insieme di Treviglio ha accompagnato musicalmente alcuni spettacoli teatrali come "Pinocchio", "Il lago dei Cigni" e "Il Piccolo Principe".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La nascita della banda di Treviglio [collegamento interrotto], su bandatreviglio.it. URL consultato il 3 maggio 2005.
  2. ^ Tullio Santagiuliana, dal 1820 al 1960, Treviglio, 1970, pp. 3.
  3. ^ Giovanni Maria Brugnetti, Capitoli presentati all'I. R. Governo nell'anno 1833.
  4. ^ Tullio Santagiuliana, dal 1820 al 1960.
  5. ^ Young Ensemble ricevuto in provincia dal presidente Rossi, su informatoreorobico.it.
  6. ^ Paolo Belloli, su paolobelloli.com.
  7. ^ a b Storia, su bandatreviglio.it. URL consultato il 3 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2013).
  8. ^ Edizioni Musicali Wicky - Musica Italiana di Qualità - www.wickymusic.com, su www.wickymusic.com. URL consultato il 9 novembre 2016.
  9. ^ Matteo Remonti, Baghèt, in Corpo Musicale Città di Treviglio. URL consultato il 9 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • sito ufficiale, su bandatreviglio.it. URL consultato il 21 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2015).