Corpi mammillari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corpi mammillari
Gray718.png
Sezione coronale del cervello attraverso la massa intermedia del terzo ventricolo (etichetta "corpora mamillaria" in basso al centro)
Anatomia del Gray(EN) Pagina 813
Nome latinocorpus mammillare
SistemaSistema nervoso centrale
Parte didiencefalo e sistema limbico
Componentinucleo mammillare mediale e nucleo mammillare laterale
Identificatori
MeSHA08.186.211.730.385.357.362.500
TAA14.1.08.402
FMA74877
ID NeuroLexbirnlex_865

I corpi mammillari sono due rilievi, a forma e somiglianza delle mammelle, situati nella parte più interna anteriore e caudale del diencefalo (di cui fanno parte), posteriormente al chiasma ottico dal quale sono separati per la presenza del tuber cinereum dell'ipofisi.

Inferiormente ad essi si trovano i peduncoli cerebrali, che dal mesencefalo divergono delimitando uno spazio (la fossa interpeduncolare), al quale i corpi mammillari sono solidali.

Ciascuno dei corpi mammillari possiede nuclei propri, divisibili in nucleo mammillare mediale e nucleo mammillare laterale. Questi ricevono fibre afferenti dall'ippocampo per mezzo di fibre che seguono il fornice e inviano a loro volta efferenze ai nuclei anteriori del talamo (mediante il fascio mammillo-talamico).[1]

Il nucleo mammillare dà origine a un grosso fascio ascendente, che si biforca nei tratti mammillo-talamico e mammillo-tegmentale. Il tratto mammillo-talamico [...] raggiunge i nuclei talamici anteriori; il mammillo-tegmentale [...] si distribuisce ai nuclei reticolari tegmentali (calotta del peduncolo cerebrale). Susan Standring, Anatomia del Gray, Elsevier, 2009, Vol. 1, traduzione italiana.

Si stima che essi siano implicati nei processi che regolano l'emozione (gestita dall'amigdala[2]) e nei processi di memoria, soprattutto, e apprendimento.

Inoltre i corpi mammilari sono centri di attività riflessa riguardanti l'olfatto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr: Circuito di Papez
  2. ^ Giuseppe Anastasi, Trattato di Anatomia Umana, 2010, Vol. 3 p.172.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]