Cornelis Smet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cornelis Smet (Malines, ... – Napoli, 1592) è stato un pittore fiammingo.

Cornelis Smet (noto anche come Cornelio Ferraro[1]), originario di Malines, è stato un pittore belga attivo a Napoli (dove ha posseduto una bottega tra il 1574 e il 1592).

Il 14 febbraio 1574 sposò a Napoli Margherita di Medina (tra i suoi testimoni vi furono i pittori Teodoro d'Errico e Cornelio de Clemente). Dal matrimonio ebbe un figlio di nome Cesare che diventerà a sua volta un pittore.

Dopo la morte di Cornelis nel 1592, la moglie sposerà l'artista Aert Mytens.

Diversi documenti testimoniano che durante la sua permanenza a Napoli, Cornelis seppe tessere una fitta rete di amicizie e committenze in tutto il Vicereame. Per la sua bottega passano alcuni tra i più importanti artisti fiamminghi operanti in quella città, come Aert Mytens, Wenzel Cobergher e Jan Soens.

La base per la ricostruzione della sua attività, dovuta essenzialmente a G. Previtali nel 1978 [2] , è costituita dalla Madonna del Rosario, documentata nel 1590, della cattedrale di Muro Lucano. L'Adorazione dei Magi di Torella dei Lombardi, ora nella collezione Ruspoli, e quella del Duomo di Aversa, dipinte su modelli zuccareschi e vasariani, ne rappresentano l'abilità di piacevole ed analitico narratore.

Elenco delle opere (non esaustivo)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla traduzione in italiano del termine smet.
  2. ^ G. Previtali, Fiamminghi a Napoli alla fine del'500: Cornelis Smet, Pietro Torres, Wenzel Cobergher, in «Rélationes artistiques entre les Pays Bas et l'Italie à la Renaissance», Etudès dedies a Suzanne Sulberger, Bruxelles-Roma, 1980, pp. 209 - 217
  3. ^ Si tratta dell'unica opera sicuramente di Smet. Per tutte le altre si può parlare solo di attribuzioni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vargas C., Cornelis Smet tra i paisani fiamminghi, in Mélanges de l'Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée, T. 103, N° 2, 1991, pp. 629-680.