Corinto Marchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corinto Amedeo Marchini

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
Lega Nord
Coalizione Polo delle Libertà
Incarichi parlamentari
  • 9ª Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare)
  • 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale)
  • Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno del cosiddetto "caporalato"
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Professione Progettista strumentista

Corinto Amedeo Marchini (Melzo, 8 agosto 1947) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di professione progettista d'impiantistica pneumatica, fu da giovane un militante di Autonomia operaia[1] e in seguito istruttore di karate[2]. Capo storico della "Guardia Nazionale Padana" dette comunemente "camicie verdi" della Lega Nord, venne eletto al Senato durante la XII legislatura, il 25 ottobre 1995 durante una seduta molto tesa prese per il bavero della giacca Vittorio Sgarbi definendolo una "testa vuota", mentre l'altro senatore leghista Erminio Boso gli aveva tirato un calcio[3][4].

Il 19 settembre 1996 casa sua viene perquisita da quattro agenti della DIGOS con l'imputazione di attentato alla costituzione, poco dopo incomincerà la perquisizione della DIGOS nella sede della Lega in via Bellerio ordinata dalla Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Verona Guido Papalia[5][6], giudicata nel 2004 fuori dalla competenze della procura veronese[7][8].

Nel 1997 lascia la Lega per candidarsi con gli Autonomisti per l'Europa di Vito Gnutti, senza tuttavia risultare eletto[1]. In un'intervista del 2006 inclusa nel film Camicie Verdi. Bruciare il tricolore afferma che Umberto Bossi non solo gli chiese di bruciare il tricolore nelle manifestazioni pubbliche, ma si spinse fino a chiedergli di tenersi pronto a sparare sui carabinieri e all'interno della Lega qualcuno chiese di eliminare Mario Borghezio[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Corinto Marchini, cinquantamila.it
  2. ^ Gian Antonio Stella, Il ras delle camicie verdi: Gandhi? Meglio il karate', Corriere della Sera, 6 settembre 1996
  3. ^ Il ras delle camicie verdi: Gandhi? Meglio il karate
  4. ^ Boso contro Sgarbi zuffa alla Camera
  5. ^ Procura di Verona
  6. ^ La DIGOS assalta la sede della Lega, su prov-varese.leganord.org. URL consultato il 9 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  7. ^ Sentenza n. 58 - anno 2004 - Consulta
  8. ^ La sede del partito può ospitare il domicilio di un parlamentare, su archivio.rivistaaic.it. URL consultato il 9 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  9. ^ Camicie verdi. Bruciare il Tricolore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]