Corinne Luchaire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Corinne Luchaire, nome completo Rosita Christiane Yvette Luchaire (Parigi, 11 febbraio 1921Parigi, 22 gennaio 1950), è stata un'attrice francese.

Figlia del celebre giornalista Jean Luchaire, fucilato durante la Liberazione francese, fu attrice assai popolare verso la fine degli anni trenta quando partecipò a una mezza dozzina di film. In Italia ebbe nel 1940 un ruolo da protagonista nel film diretto da Mario Mattoli Abbandono, dove era doppiata da Lydia Simoneschi, che uscì in Francia con il titolo L'intruse.

Accusata di collaborazionismo verso le truppe germaniche durante la Seconda guerra mondiale, venne condannata a dieci anni di prigione e incarcerata a Nizza. Ricevette in seguito un decreto di espulsione dal paese, perdendo così la cittadinanza francese e i diritti civili. Ha avuto un breve matrimonio con l'aristocratico Guy de Voisins-Lavernière, dal quale ebbe la figlia Brigitte. Nel 1949 pubblicò la sua autobiografia, Ma drole de vie. Morì a soli 28 anni di età per una tubercolosi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44432661 · LCCN: (ENn2001156047 · ISNI: (EN0000 0000 3354 3934 · GND: (DE101902285X · BNF: (FRcb13011444r (data)