Cordyline australis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cordilinea
CabbageTreeKaihoka.jpg
Cordyline australis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Asparagales
Famiglia Asparagaceae
Sottofamiglia Lomandroideae
Genere Cordyline
Specie C. australis
Nomenclatura binomiale
Cordyline australis
(G.Forst.) Endl.
Areale

Cordyline-australis-ecotype.png

La cordilinea (Cordyline australis (G. Forst.) Endl.), nota in lingua māori come Tī kāuka o Tī rākau, è una pianta monocotiledone della famiglia delle Asparagacee, endemica della Nuova Zelanda[1].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Cordyline deriva dalla parola greca kordyle che significa «mazza», in riferimento ai fusti sotterranei o allargamenti dei rizomi[2]. L'epiteto latino australis, invece, significa «del sud»[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Può raggiungere i 15 m di altezza; il fusto, inizialmente diritto, si dirama notevolmente all'estremità, ed ogni ramo può sviluppare un proprio fusto floreale. Le foglie a forma di spada, lunghe 40–90 cm e larghe alla base 3–7 cm, presentano numerose venature parallele. I fiori, color crema o biancastri, di circa 1 cm di diametro tepali inclusi, si sviluppano in un fitto grappolo di 50–100 cm di larghezza. Il frutto è una bacca globosa di 5-7 mm di diametro[4].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dracaena australis G.Forst., 1786.
  • Charlwoodia australis (G.Forst.) G.Don in J.C.Loudon,1830
  • Dracaenopsis australis (G.Forst.) Planch., 1850.
  • Terminalis australis (G.Forst.) Kuntze, 1891
  • Cordyline indivisa Regel, 1859, nom. illeg.
  • Cordyline superbiens K.Koch, 1859
  • Dracaenopsis calocoma H.Wendl., 1859
  • Cordyline lentiginosa Linden & André, 1870
  • Cordyline veitchii Regel, 1871, nom. inval.
  • Cordyline forsteri F.Muell., 1872
  • Cordyline calocoma (H.Wendl.) Baker, 1875
  • Cordyline sturmii Colenso, 1883[5].

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Grazie al loro alto contenuto di carboidrati, le foglie di cordilinea, rese commestibili dopo la cottura, costituirono un'importante fonte di cibo per almeno i primi otto secoli dell'occupazione māori della Nuova Zelanda. La datazione al radiocarbonio indica il loro utilizzo almeno a partire dall'anno 1000. Anche le foglie di altre specie di alberi ad essa imparentati erano probabilmente apprezzati in Oceania. Le uniche altre sostanze native ricche di carboidrati erano le radici delle felci.

Nella penisola di Otago gli scavi archeologici hanno dimostrato l'utilizzo effettivo del cosiddetto «albero cavolo» come alimento. Cavità larghe fino a 7 m sono i resti degli umu-tī («forni per gli alberi cavolo»). Dopo due giorni di cottura, i fasci di foglie dei giovani alberelli venivano fatti essiccare al sole, e conservati in questo modo potevano durare anni.

Albero coltivato a Manukau (Auckland).
I fiori

Le foglie costituiscono inoltre un'ottima fonte di fibre. Il tronco e le radici possono essere intrecciati per realizzare corde, e le foglie vengono tessute per ricavare abiti e calzature. Il succo della pianta viene utilizzato contro le infezioni. I primi missionari preparavano «con questo una birra dal gusto accettabile». Il suo valore commerciale non è stato ancora efficacemente valutato. Potrebbe essere utilizzato come dolcificante a basso contenuto calorico (poiché è due volte più dolce dello zucchero) o come fonte biologica di etanolo.

È ampiamente utilizzata come albero ornamentale, sia in Nuova Zelanda che nell'Europa occidentale (comprese le Isole Britanniche) e nella costa nord-occidentale degli Stati Uniti[6]. Grazie alla sua maggiore tolleranza ai climi freddi rispetto ad altre monocotiledoni arboree (cioè che raggiungono le dimensioni di alberi veri e propri), questa specie viene spesso piantata da persone desiderose di ricreare un ambiente tropicale e un aspetto esotico nei propri cortili e giardini, data la sua somiglianza esteriore con le palme. Nelle Isole Britanniche, infatti, viene talvolta chiamata erroneamente «Palma di Cornovaglia», «Palma del Torbay» o «Palma di Man», proprio a causa del suo ampio utilizzo nel Torbay; di quest'ultima zona, nota anche come English Riviera, la «riviera inglese», la specie è anche simbolo ufficiale.

La sottospecie (o varietà) atropurpurea è particolarmente nota per la sua chioma rossa e diverse cultivar sono disponibili sul mercato. Essa si incontra anche in Italia[7] e in Norvegia[8].

Nel 1986, lo studioso Barry L. Frankhauser scrisse una tesi riguardo l'utilizzo di questa specie ed intervistandolo venne realizzato un documentario per la televisione della Nuova Zelanda e successivamente, nel 2004, per la televisione maori.

La cultivar Red Sensation.

Dal 1987, gli alberi coltivati della Nuova Zelanda sono affetti da una malattia chiamata «morte improvvisa» causata dal patogeno Phytoplasma australiense, che provoca la desfoliazione quasi totale dell'albero colpito nell'arco di 2-12 mesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cordyline australis, su The Plant List. URL consultato il 23 gennaio 2014.
  2. ^ Bok-mun Ho, Cordyline obtecta, Australian National Botanic Gardens, 2006. URL consultato il 12 aprile 2008.
  3. ^ Dictionary of Botanical Epithets.
  4. ^ Cordilinea su Giardinaggio.it, su giardinaggio.it. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  5. ^ Cordyline australis, in Royal Botanic Gardens, Kew: World Checklist of Selected Plant Families. URL consultato il 6 agosto 2010.
  6. ^ Washington Park Arboretum (PDF), in Seattle Government. URL consultato il 18 giugno 2009.
  7. ^ New Zealand Species Overseas, in Te Ara Encyclopedia of New Zealand. URL consultato il 18 giugno 2009.
  8. ^ Scandinavia & Eucalyptus: flowering at 61°N, in GIT Forestry Consulting. URL consultato il 18 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cordyline australis, in New Zealand Plant Conservation Network. URL consultato il 20 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2008).
  • A. L. Poole, Cabbage Tree - Ti, in An Encyclopedia of New Zealand, A. H. McLintock. Originally published in 1966. URL consultato il 20 luglio 2007.
  • Traditional Plant Use By Māori, in Eske Style New Zealand. URL consultato il 20 luglio 2007.
  • Cordyline australis Cabbage Palm, in The Garden Flora of Northern Ireland. URL consultato il 20 luglio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]