Cordusio (metropolitana di Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo Metropolitane Italia.svg
Cordusio[1]
Cordusio metropolitana.jpg
Un convoglio prima serie in arrivo
Stazione dellametropolitana di Milano
GestoreATM
Inaugurazione1964
Statoin uso
LineaMilano linea M1.svg
Localizzazionepiazza Cordusio, Milano
Tipologiastazione sotterranea, passante
Interscambiotram urbani
Mappa di localizzazione: Milano
Cordusio[1]
Cordusio[1]
Metropolitane del mondo
Coordinate: 45°27′56″N 9°11′11″E / 45.465556°N 9.186389°E45.465556; 9.186389

La stazione di Cordusio[1] è una stazione della linea M1 della metropolitana di Milano.

Si tratta di una stazione sotterranea, posta tra via Dante e piazza Cordusio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cordusio fu costruita come parte della prima tratta (da Marelli a Lotto) della linea 1 della metropolitana[2], entrata in servizio il 1º novembre 1964[3].

Dal 2018 la denominazione per esteso della stazione, pronunciata negli annunci sonori di bordo, è Cordusio – Biblioteca Ambrosiana, in occasione del 500º anniversario della morte di Leonardo da Vinci e la sua vicinanza alla veneranda biblioteca ambrosiana.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cordusio possiede una struttura comune a quasi tutte le altre stazioni della linea: si tratta di una stazione sotterranea a due binari, uno per ogni senso di marcia, serviti da due banchine laterali; superiormente si trova un mezzanino, contenente i tornelli d'accesso e il gabbiotto dell'agente di stazione[4].

Dista 498 metri dalla stazione di Cairoli e 340 metri da quella di Duomo[5].

È presente un collegamento sotterraneo pedonale tra i mezzanini delle stazioni di Cordusio e Duomo, denominato "Galleria dell'Artigianato".

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vicinanze della stazione effettuano fermata alcune linee urbane tranviarie, gestite da ATM.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Schema rete ATM, su atm.it. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  2. ^ Alferini, Cirenei, op. cit., p. 588
  3. ^ Meregalli, op. cit., p. 469
  4. ^ Alferini, Cirenei, op. cit., pp. 589-590
  5. ^ Alferini, Cirenei, op. cit., pp. 600-601

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Alferini, Matteo Cirenei, L'attivazione della linea 1 della metropolitana di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", luglio-agosto 1964, pp. 587-613.
  • Giorgio Meregalli, Gli impianti ferroviari della linea 2 della Metropolitana di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", maggio 1971, pp. 469-492.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Capolinea Fermata precedente Milano linea M1.svg Fermata successiva Capolinea
Sesto 1º Maggio TriangleArrow-Left.svg Duomo Pfeil links.svg Cordusio Pfeil rechts.svg Cairoli TriangleArrow-Right.svg Rho Fieramilano
Bisceglie