Cordonata (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cordonata
0 Cordonata - Dioscuri - Palazzo Senatorio.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
CircoscrizioneMunicipio I
QuartiereCampitelli (rione)
Codice postale00186
Informazioni generali
Tipocordonata
ProgettistaMichelangelo Buonarroti
Collegamenti
Iniziovia del Teatro di Marcello
Finepiazza del Campidoglio
Luoghi d'interesse
Mappa

Coordinate: 41°53′37.05″N 12°28′56.15″E / 41.893625°N 12.482264°E41.893625; 12.482264

La Cordonata capitolina è la celebre cordonata che da via del Teatro di Marcello conduce a piazza del Campidoglio, sulla cima dell'omonimo colle nel rione Campitelli, a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu progettata da Michelangelo Buonarroti nel XVI secolo su commissione di papa Paolo III, nell'ambito dei lavori di risistemazione del Campidoglio.

La cordonata capitolina, di facile accesso e transito poiché pensata anche per il transito di uomini a cavallo, si allarga leggermente verso l'alto, dove sono poste le grandi statue dei Dioscuri, Castore e Polluce[1], ed il gruppo scultoreo conosciuto come I Trofei di Mario creduti di quest'epoca durante il Medioevo ma in realtà di età domizianea, omaggio alle vittorie di Domiziano nell'89 d.C. sui Catti e sui Daci.

Due statue di leoni ornano la scalinata alla base[2], mentre a metà scalinata, sulla sinistra, è posto il monumento a Cola di Rienzo, realizzata da Girolamo Masini e Francesco Azzurri dopo la presa di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I due Dioscuri furono trovati a metà del '500 durante la costruzione della recinzione del Ghetto voluta da Paolo IV Carafa.
  2. ^ Dei due leoni, presumibilmente pertinenti all'Iseo Campense, dà notizia Flaminio Vacca nelle sue Memorie di varie antichità trovate in diversi luoghi di Roma (1594) alla nota 27:
    Dietro alla suddetta Casa vi è la Chiesa di S. Stefano del Cacco; questo nome deriva da duo Leoni di Basalto pietra di Numidia di color negro, quali mi ricordo stare innanzi alla suddetta Chiesa ed al Tempo di Pio IV furono trasportati in Campidoglio e furono messi per ornamento al principio delle scale fatte a cordone che conducono sopra la Piazza.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]