Corazzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corazzano
frazione
Corazzano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
ComuneSan Miniato-Stemma.png San Miniato
Territorio
Coordinate43°37′16.47″N 10°52′03.6″E / 43.621242°N 10.867668°E43.621242; 10.867668 (Corazzano)Coordinate: 43°37′16.47″N 10°52′03.6″E / 43.621242°N 10.867668°E43.621242; 10.867668 (Corazzano)
Altitudine54 m s.l.m.
Abitanti460 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale56028
Prefisso0571
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticorazzanese, corazzanesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Corazzano
Corazzano

Corazzano (già Quaratiana) è una frazione del comune italiano di San Miniato, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Corazzano è situato in pianura nella val d'Egola, sulle sponde del torrente Egola, a circa 10 km dal centro comunale di San Miniato, nel Valdarno inferiore, lungo la strada che conduce a Montaione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Paese sorto in epoca altomedievale e noto come Quaratiana (anche Quaranzana o Quarantiana), è ricordato già nel 793 come residenza di un castaldo del vescovo di Lucca. Nell'XI secolo fu residenza dei conti Della Gherardesca. In questo periodo il borgo fu al massimo della propria importanza, con la pieve di San Giovanni che nel XIII secolo arrivò ad espandere la sua giurisdizione in numerosi paesi vicini, tenendo sotto la propria giurisdizione fino a dodici chiese sussidiarie. Nel corso del XIV secolo Corazzano fu indebolito dai continui attacchi ad opera dei pisani Uguccione della Faggiola e Castruccio Castracani, tanto da spopolarsi e rendere inutilizzata l'antica pieve.[2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Pieve di San Giovanni Battista, antica pieve edificata nel corso dell'VIII secolo, è stata dichiarata monumento nazionale nel 1899. L'ultimo restauro è avvenuto nel 1979.
  • Teatro di Quaranthana, teatro della frazione, ospitato nell'edificio costruito negli anni trenta come Casa del Fascio, poi divenuto Casa del Popolo, scuola elementare e infine caserma dei Carabinieri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 174.
  2. ^ Emanuele Repetti, «Corazzano», Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, 1833-1846.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 672–674.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana