Corazón indomable

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corazón indomable
Logo de Corazón Indomable.png
Logo della telenovela
Titolo originaleCorazón indomable
PaeseMessico
Anno2013
Formatoserial TV
Generetelenovela
Stagioni1
Puntate161
Durata41-44 min. (puntata)
Lingua originalespagnolo
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreInés Rodena
RegiaVíctor Fouilloux, Victor Rodriguez
SoggettoCarlos Romero, Tere Medina, Julio Garibay
Interpreti e personaggi
Produttore esecutivoNathalie Lartilleux
Casa di produzioneTelevisa
Prima visione
Dal25 febbraio 2013
Al6 ottobre 2013
Rete televisivaCanal de las Estrellas
Opere audiovisive correlate
OriginariaMarimar (1994)

Corazón indomable è una telenovela messicana trasmessa su Canal de las Estrellas dal 25 febbraio al 6 ottobre 2013. È un remake della telenovela del 1994 Marimar.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maricruz Olivares vive con Ramiro, suo nonno materno, e Solita, che è sorda e che è stata trovata abbandonata, da sua madre Guadalupe Mendoza / Guadalupe Olivares e da suo nonno quando era piccola. Vive in una baracca situata in mezzo alla natura, vicino al confine di proprietà del ranch di Narvaéz. Miguel e Octavio sono fratelli ed entrambi possiedono il Narvaéz's Ranch, che è ipotecato a causa della cattiva amministrazione che Miguel, il fratello maggiore, ha fatto. Octavio è un pilota e arriva nel ranch bisognoso di soldi poiché ha perso il lavoro e vuole che le terre vengano vendute. Non immagina che presto dimenticherà questo scopo e scoprirà che la terra, la semina e la condivisione con gli operai diventano per lui fonte di passione.

Octavio incontra Maricruz mentre sta viaggiando per le terre e sorprende il suo caposquadra che cerca di affrontarla. Nonostante le sue umili origini, la difende come un gentiluomo. Immediatamente, è intrappolato dalla sua simpatia e bellezza. Quando Octavio scopre la malizia con cui Lucia, sua cognata, tratta Maricruz, si arrabbia molto e decide di sposare Maricruz per dare una lezione a suo fratello e a Lucia. Ma Maricruz continua a essere insultata e giudicata per il suo modo di essere, parlare, recitare e mangiare.

Tuttavia, quando riceve un'offerta di lavoro allettante come pilota, Octavio lascia il ranch e chiede a suo fratello di dare a Maricruz la sua parte di terra. Lucia e sua cugina Esther preparano una trappola a Maricruz per accusarla ingiustamente di essere una ladra e finisce in prigione. Un avvocato crede in lei e ottiene la sua libertà; ma quando torna, è scioccata nello scoprire che suo nonno è morto durante un incendio per ordine di Lucía fatto da Eusebio.

Maricruz parte per la capitale con sua sorella Solita e inizia a lavorare come domestica a casa di Alejandro, che sembra essere suo padre, senza che nessuno di loro sappia del legame tra loro. Maricruz guadagna la sua fiducia e il suo amore e la aiuta a ottenere un'istruzione e diventare una donna dell'alta società. Nel frattempo accetta di aiutarlo nell'amministrazione della nave da crociera-casinò, di stanza a Isla Dorada. Lì dovrà affrontare l'ambizione delle sorelle Canseco Carola e Raiza, che mantengono le loro vite a proprio agio a spese di Alejandro. Il maggiordomo di Alejandro; Tobías, scopre il certificato di nascita di Maricruz dove compare il suo vero nome: María Alejandra Mendoza Olivares. Per evitare la grande impressione che potrebbe uccidere Alejandro, dal momento che soffre di una malattia al cuore, decide di non rivelargli che Maricruz è sua figlia, ma dice a Maricruz la verità e lei si sente molto contenta di tale notizia.

Miguel informa suo fratello che Maricruz è scomparsa dopo la morte del nonno. Octavio arriva al casinò, invitato da un amico. Il bell'aspetto di Octavio cattura l'interesse delle donne sofisticate e si sente lusingato, ma non può dimenticare Maricruz. Non immagina che l'umile giovane che era sua moglie non sia altro che l'elegante María Alejandra Mendoza, l'erede, manager e principale ospite della nave da crociera-casinò.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]