Coratella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coratella
Coratella
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Zona di produzione Lazio, Umbria, Marche
Dettagli
Categoria secondo piatto
 

Coratella è il termine con il quale si indicano parti delle interiora degli animali di piccola taglia come agnello, coniglio o pollame. È il diminutivo di corata, che ha il medesimo significato per le interiora degli animali di grossa taglia[1].

Anticamente, corata e coratella definivano il solo complesso di cuore, fegato e polmoni. Attualmente, oltre a queste parti, si intendono solitamente anche reni, milza e animelle[2].

Tali tagli vengono utilizzati in tutte le cucine regionali italiane per confezionare vari piatti tradizionali, come il fritto di coratella, la coratella in umido, la coratella con i carciofi della tradizione culinaria romana[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ coratèlla, su Vocabolario – Treccani. URL consultato il January 20, 2016.
  2. ^ corata, su Vocabolario – Treccani. URL consultato il January 20, 2016.
  3. ^ Annalisa Barbagli, La cucina di casa del Gambero Rosso. Le 1000 ricette, G.R.H. S.p.A., 2002, ISBN 88-87180-53-9.
  4. ^ Coratella di agnello, su cibo360.it. URL consultato il January 20, 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina