Copris lunaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Copris lunaris
Copris lunaris male Greece.jpg
Copris lunaris (maschio)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Scarabaeiformia
Superfamiglia Scarabaeoidea
Famiglia Scarabaeidae
Sottofamiglia Scarabaeinae
Tribù Coprini
Genere Copris
Specie C. lunaris
Nomenclatura binomiale
Copris lunaris
Linnaeus, 1758

Copris lunaris (Linnaeus, 1758) è un coleottero appartenente alla famiglia degli Scarabeidi (sottofamiglia scarabaeinae).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare femmina.

C. lunaris si presenta come un insetto di dimensioni medio-piccole, comprese tra i 15 e i 20 mm. Presentano un corpo tozzo e robusto, color nero lucido con dei rilievi che si estendono per tutta la lunghezza delle elitre. I maschi presentano un vistoso corno cefalico, che viene impiegato nelle lotte rituali con gli altri maschi. Questa caratteristiche conferisce alla specie un pronunciato dimorfismo sessuale in quanto le femmine ne sono sprovviste.[1]

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli adulti sono visibili in primavera e in autunno e sono di abitudini crepuscolari e notturne. Possono essere osservati volare nei pascoli di colline medio-alte, dove si nutrono di escrementi. Dopo l'accoppiamento entrambi i membri della coppia, scavano una galleria sotto gli escrementi, terminante con una grande camera ellittica dove verranno accumulati i detriti fecali in cui la femmina depone le uova.[2] Le larve si sviluppano nella materia fecale in decomposizione preparata dai genitori.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

C. lunaris si può rinvenire in Europa centrale e meridionale e in Asia estendendosi fino alla Cina e all'Iran.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Alberto Ballerio, Antonio Rey, Marco Uliana, Marco Rastelli, Sergio Rastelli, Marcello Romano, Loris Colacurcio, Copris lunaris, su societaentomologicaitaliana.it, Scarabeoidea d'Italia.
  2. ^ Sapere.it, Copris lunaris, su sapere.it, De Agostini.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi