Convergencia Social

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Convergencia Social
Convergencia Social.png
LeaderGabriel Boric
PresidenteAlondra Arellano
SegretarioJaviera Menay
StatoCile Cile
SedeAlmirante Riveros 062, Providencia
AbbreviazioneCS
Fondazione11 novembre 2018
IdeologiaProgressismo
Socialismo democratico
Socialdemocrazia[1][2]
Autonomismo
Femminismo
Ecologismo
Democrazia semidiretta
CollocazioneSinistra/Centro-sinistra[1][2]
CoalizioneApruebo Dignidad
Affiliazione internazionaleInternazionale Progressista
Seggi
9 / 155
Seggi
0 / 43
Seggi Convenzione Costituzionale
6 / 155
Sito webconvergenciasocial.cl/

Convergencia Social (CS) è un partito politico cileno di sinistra, fondato nel 2018 a seguito della fusione dei movimenti politici Movimento Autonomista, Sinistra Libertaria, Nuova Democrazia e Socialismo e Libertà, tutti membri della vecchia coalizione del Fronte Ampio fino a quel momento.

Si definisce come un partito di carattere "femminista, socialista, emancipatore, che contribuisce alla costruzione di una vita dignitosa e di un nuovo rapporto in relazione ai beni comuni e ai loro popoli".[3][4] Il partito, in seguito alla fondazione, è entrato nella coalizione Apruebo Dignidad.[5]

Correnti interne[modifica | modifica wikitesto]

Nel partito Convergencia Social coesistono tendenze diverse (non istituzionalizzate). Nelle elezioni nazionali del luglio 2020 le tendenze attuali sono definite come segue:

Rinvigorire la Sinistra (Reimpulsar la Izquierda): guidata dalla deputata Gael Yeomas e dall'attuale presidente del partito, Alondra Arellano, questa corrente ospita principalmente coloro che provenivano dal movimento Sinistra Libertaria. La corrente si caratterizza come femminista, socialista e libertaria.

Tracciato socialista (Trazo Socialista): tendenza guidata dall'attuale Centro macrozonale della leadership nazionale Catalina Cifuentes, Nicolas Ruiz, attuale segretario della Direzione nazionale ed ex candidato alla costituente convenzionale nel 2021 Rodrigo Mallea. La tendenza fu promotrice dell'alleanza tra il Fronte Ampio e il Partito Comunista. Si compone principalmente per ex membri dei movimenti Sinistra Libertaria, Movimento Autonomista, Nuova Democrazia e Nuova Militanza. Si caratterizza come una tendenza di sinistra, femminista, ambientalista e popolare.

Dalla Cordigliera al Mare (De Cordillera a Mar): Tendenza guidata dal deputato Diego Ibáñez Cotroneo e l'attuale vicepresidente del partito Francisca Perales, e il segretario delle finanze Alejandro Araneda. Si compone per gli ex membri di Socialismo e Libertà e Movimento Autonomista. Si caratterizza come una tendenza socialista e femminista.

Esondare il più possibile (Desbordar lo Posible): tendenza guidata dal leader Gabriel Boric e dal deputato Gonzalo Winter, ed è composta principalmente da ex membri del Movimento Autonomista. Si definiscono come una corrente che persegue il decentramento politico, il regionalismo e il femminismo.

Sovranità popolare (Soberania Popular): una tendenza guidata dall'attuale consigliere regionale di Valparaíso, Nataly Campusano, è composta da ex membri di Nuova Democrazia e del Movimento Autonomista. Si caratterizza come una tendenza socialista e femminista, con un particolare accento sull'anti imperialismo.

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Convergencia Social è membro a pieno titolo dell'Internazionale Progressista, organizzazione fondata da Bernie Sanders, dal Movimento per la democrazia in Europa 2025 e da Gianis Varoufakis.[3]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
Costituenti 2021 184.327 3,23
6 / 155
Generali 2021 Camera 287.190 4,54
9 / 155
Senato 59.493 1,28
0 / 43

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ¿Elección entre extremos? - La Tercera, su latercera.com. URL consultato l'8 dicembre 2021.
  2. ^ a b (ES) Por: Rubén Escobar Salinas, Stephany Griffith-Jones, economista: “Boric es lo que en Europa se llama socialdemócrata” - El Desconcierto, su eldesconcierto.cl. URL consultato l'8 dicembre 2021.
  3. ^ a b BCN Biblioteca del Congreso Nacional de Chile, Historia Política, su bcn.cl, Octubre 2020. URL consultato il 22 novembre 2021.
  4. ^ Catalina Aninat y Juan Pablo Figueroa, El Frente Amplio que surge tras las fusiones, su La Tercera, 11 novembre 2018. URL consultato il 22 novembre 2021.
  5. ^ (ES) Página de Inicio Apruebo Dignidad, su Apruebo Dignidad. URL consultato il 22 novembre 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]