Conti di Tripoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Contea di Tripoli.

Stemma della Contea di Tripoli.

In questa voce sono elencati in ordine cronologico i conti della Contea di Tripoli. Il titolo fu effettivo dal 1102 (a seguito della conquista di Tortosa durante la Prima crociata) al 1289 (riconquista di Tripoli da parte dei Mamelucchi), e titolare dal 1289 al 1300.

Conti effettivi[modifica | modifica wikitesto]

Casato di Tolosa[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Raymond IV of Toulouse.jpg Armoiries Languedoc.png
Raimondo I
(1045 – 28 febbraio 1105)
1102 28 febbraio 1105 (1) una sua cugina (?-1080)
figlia di Bertrando II di Provenza[1] o di Goffredo I di Provenza[2]
(2) Matilde di Sicilia (? - ?)
figlia di Ruggero I, conte di Sicilia e di Giuditta di Evreux; divorziano nel 1088.
(3) Elvira di Castiglia (1088 - 1156)
figlia naturale di Alfonso VI, re di Castiglia e León e di Jimena Muñoz
Figlio di Ponzio II, conte di Tolosa e di Almodis de La Marche[3]. Partecipò alla Prima crociata, puntando a costruirsi un proprio feudo a Tripoli . Nel 1102, dopo la conquista di Tortosa ed aver iniziato l'assedio di Tripoli, prese a chiamarsi conte di Tripoli[4]. Morì durante l'assedio della città. 1

Casato di Cerdagna[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Arms of Cerdanya.svg
Guglielmo
(1079 – 1110)
1105 1110 Figlio del conte Guglielmo Raimondo di Cerdanya e della sua seconda moglie Sancha di Barcellona, sorellastra di Raimondo I. Morto lo zio ed essendo il suo parente più prossimo in Terrasanta, Guglielmo portò avanti l'assedio di Tripoli. Entrato in contesa col cugino Bertrando (vedi voce di questi), si accordò per la spartizione della contea. Conquistò Tripoli il 12 giugno 1209, ma morì poco dopo per le ferite riportate. Non avendo eredi diretti, i suoi possedimenti andarono al cugino Bertrando. 2

Casato di Tolosa[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Armoiries Languedoc.png
Bertrando
(1065 – 21 aprile 1112)
1105 21 aprile 1112 Elena di Borgogna (1080-28 febbraio 1141)
figlia di Oddone I, duca di Borgogna e di Matilde di Borgogna
Figlio di Raimondo I e della prima moglie. Durante la Crociata, il padre gli affidò la reggenza della contea di Tolosa. Alla morte di questi, si recò in Terrasanta per reclamarne i feudi ed i titoli ma trovò che se ne era impossessato il cugino Guglielmo. Seguì una disputa tra i due, che coinvolse Baldovino I, re di Gerusalemme (suo sostenitore) e Tancredi, principe di Galilea e reggente di Antiochia (sostenitore di Guglielmo). La contesa terminò con un accordo, in base al quale i possedimenti di Raimondo I vennero spartiti tra i due, e se uno dei due fosse morto senza eredi diretti gli sarebbe subentrato l'altro (cosa che infatti avvenne alla morte di Guglielmo senza prole)[5]. 3
POns.jpg Armoiries Languedoc.png
Ponzio
(1098 - 1137)
1105 1137 Cecilia di Francia (1098-1145)
figlia di Filippo I, re di Francia e di Bertrada di Montfort
Figlio di Bertrando e della prima moglie. Sconfitto da Mahmud, atabeg di Damasco venne fatto prigioniero e passato per le armi[6]. 4
Raymond IITripoli.jpg Armoiries Languedoc.png
Raimondo II
(1115 - 1152)
1137 1152 Hodierna di Gerusalemme (1110-1164)
figlia di Baldovino II, re di Gerusalemme e di Morfia di Melitene
Figlio di Ponzio. Ucciso dalla setta degli Assassini mentre scortava fuori Tripoli la moglie e la cognata Melisenda[7] 5
Raymond of Tripoli seal.jpg Armoiries Languedoc.png
Raimondo III
(1140 - 1187)
1152 1187 Eschiva di Bures (1098-1145)
figlia di Goffredo di Bures, principe di Galilea e Tiberiade.
Figlio di Raimondo II. Partecipò alla battaglia di Hattin, da cui riuscì a scampare pur morendo poco dopo. Senza figli, lasciò Tripoli a Raimondo, erede al trono di Antiochia con la condizione di rendere il feudo al primo membro del casato di Tolosa che fosse giunto in Terrasanta[8]. Principe iure uxoris di Galilea. 6

Casato di Antiochia-Poitiers[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Raimondo IV
(?–1199)
1187 1189 Alice d'Armenia (1182 – 1234)
figlia di Ruben III, principe d'Armenia e di Isabella di Toron
Figlio primogenito di Boemondo III, principe di Antiochia e di Orguilleuse d'Harenc. Nel 1189 il padre lo costrinse a tornare ad Antiochia, ed affidò Tripoli al secondogenito Boemondo. 7
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Boemondo I
(1172–1233)
1189 1233 (1) Plaisance di Gibelletto (?-1217)
figlia di Ugo III Embriaco, signore di Gibelletto e di Stefania de Milly, signora dell'Oltregiordano
(2) Melisenda di Lusignano (1200 - 1249)
figlia di Amalrico II, re di Gerusalemme e di Isabella di Gerusalemme
Figlio secondogenito di Boemondo III, principe di Antiochia e di Orguilleuse d'Harenc. Dal 1201 principe di Antiochia esautorando il figlio del fratello Raimondo, Raimondo Rupeno. 8
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Boemondo II
(1199–1252)
1233 1252 (1) Alice di Champagne (1195-1247)
figlia di Enrico II, re di Gerusalemme e di Isabella di Gerusalemme. Annullato nel 1227
(2) Luciana di Segni (? - ?)
figlia di Paolo Conti, conte di Segni
Figlio di Boemondo I. Principe di Antiochia. 9
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Boemondo III
(1237–1275)
1252 1275 Sibilla d'Armenia (1240-1290)
figlia di Aitone I, re della Piccola Armenia e di Isabella d'Armenia
Figlio di Boemondo II. Principe di Antiochia sino al 1268 (conquistata dai Mamelucchi). 10
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Boemondo IV
(1261– 19 ottobre 1287)
1275 19 ottobre 1287 Margherita di Brienne (+ 9 aprile 1328)
figlia di Luigi di Brienne, visconte di Beaumont e di Agnese di Beaumont
Figlio di Boemondo III. Principe titolare di Antiochia. Senza prole. 11
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Lucia
(+ 1299)
1287 29 aprile 1289 Narjot de Toucy, signore di Laterza (+ 1293)
figlio di Filippo di Toucy, reggente di Costantinopoli e di Porzia di Roye
Figlia di Boemondo III e sorella di Boemondo IV. Il 29 aprile 1289 i Mamelucchi conquistarono Tripoli. 12

Conti titolari[modifica | modifica wikitesto]

Casato di Antiochia-Poitiers[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Armoiries Bohémond VI d'Antioche.svg
Lucia
(+ 1299)
29 aprile 1289 1299 Narjot de Toucy, signore di Laterza (+ 1293)
figlio di Filippo di Toucy, reggente di Costantinopoli e di Porzia di Roye
Figlia di Boemondo III e sorella di Boemondo IV. 12

Casato di Toucy[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Blason Toucy 89.svg
Filippo
(1290 – 1300)
1299 1300 Eleonora d'Angiò (1289-1343)
figlia di Carlo II, re di Napoli e di Maria d'Ungheria . Matrimonio annullato nel 1300
Figlio di Lucia e Narjot de Toucy. Signore di Laterza. Morto in tenera età. 13

A metà del XIV secolo, il titolo venne ricreato dai Lusignano di Gerusalemme e Cipro, ed entrò in seguito nella disponibilità della Repubblica di Venezia, che lo mise diverse volte all'incanto.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Almodis de La Marche
X 1) Ugo V di Lusignano, signore di Lusignano
X 2) Ponzio, conte di Tolosa
X 3) Raimondo Berengario I, conte di Barcellona
│
├─2> Raimondo di Saint-Gilles, conte di Tolosa e di Tripoli
│    X 1) Ne di Tolosa Provence
│    X 2) Matilde d'Altavilla
│    X 3) Elvira di Castiglia
│    │
│    └─1> Bertrando, conte di Tolosa e di Tripoli
│         X Elena di Borgogna
│         │
│         └──> Ponzio, conte di Tripoli
│              X Cecilia di Francia
│              │
│              └──> Raimondo II, conte di Tripoli
│             ┌───> X Hodierna di Gerusalemme
│             │     │
│             │     └──> Raimondo III, conte di Tripoli
│             │          X Eschive Bures, principessa di Tiberiade
│             │
│             ├---< Baldovino II, re di Gerusalemme
│             │
│             └──> Alice di Gerusalemme
│                  X Boemondo II, principe di Antiochia
│                  │
│                  └───> Costanza d'Antiochia
│              ┌───────> X Raimondo di Poitiers
│              │         │
│              │         └──> Boemondo III, principe di Antiochia
│              │              │
│              │              ├──> Raimondo IV, conte di Tripoli
│              │              │
│              │              └──> Boemondo IV, principe di Antiochia e conte di Tripoli
│              │                   │
│              │                   └──> Boemondo V, principe di Antiochia e conte di Tripoli
│              │                        │
│              │                        └──> Boemondo VI, principe di Antiochia e conte di Tripoli
│              │                             │
│              │                             ├──> Boemondo VII, conte di Tripoli
│              │                             │
│              │                             └──> Lucia, contessa di Tripoli
│              │
│              Guglielmo IX di Poitiers, duca d'Aquitania
│    ┌───────> X Filippa di Tolosa
│    │
│    X Emma
├─2> Guglielmo IV, conte di Tolosa
│
└─3> Sancha di Barcellona
     X Guglielmo Raimondo, conte di Cerdagna
     │
     └──> Guglielmo Giordano, conte di Cerdagna e di Tripoli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Histoire Générale de Languedoc, 3 ediz., tomo IV, nota 41, p. 197
  2. ^ Europäische Stammtafeln, vol. II, tav. 206
  3. ^ (LA) Chronicon sancti Maxentii, ecc, p. 401
  4. ^ Kingsford, Il regno di Gerusalemme, ecc,, p. 757
  5. ^ Runciman, A history of the Crusades, vol. 2, p. 68.
  6. ^ Runciman, A history of the Crusades, vol. 2, p. 202.
  7. ^ (LA) Historia rerum, ecc, lib. XVII, par. XIX
  8. ^ Runciman, A history of the Crusades, vol. 2, p. 470.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Kingsford, Charles Lethbridge - Il regno di Gerusalemme, 1099-1291, in «The Cambridge medieval history», vol. V – Cambridge, 1964
  • Richard, Jean - Le comté de Tripoli sous la dynastie toulousaine – Paris, 1945
  • Steven Runciman - A history of the Crusades - Cambridge University Press, 1952

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Crociate Portale Crociate: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Crociate