Contesto della forma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il contesto della forma (in inglese: Shape Context) è un descrittore di caratteristica usato nel riconoscimento di oggetti. Serge Belongie e Jitendra Malik proposero il termine nel loro articolo Matching with Shape Contexts (in italiano: "Confronto con i contesti di forma") nel 2000.

Teoria[modifica | modifica sorgente]

Il contesto della forma è inteso come un modo di descrivere le forme che permette la misura della similarità di una forma e il recupero dei punti corrispondenti. L'idea base è di prendere n punti sui contorni di una forma. Per ogni punto pi sulla forma si considerano gli n − 1 vettori ottenuti dalla connessione di pi agli altri punti. L'insieme di tutti questi vettori è una ricca descrizione della forma localizzata in quel punto ma non è ancora molto dettagliata. L'idea chiave è che la distribuzione sulle posizione relative è un descritto altamente discriminativo, robusto e compatto.

Così per il punto pi, l'istogramma delle relative coordinate dei rimanenti n − 1 punti,

h_i(k) = \#\{q \ne p_i  :  (q - p_i) \in \mbox{bin}(k)\}

è definito per essere il contesto di forma di pi.

Il fatto che il contesto di forma è un descrittore ricco e discriminativo può essere visto nella figura seguente.

Shapecontext.jpg

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]