Conte di March

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma Gordon-Lennox

Il titolo di Conte di March è stato creato più volte sia nella parìa di Scozia che nella parìa d'Inghilterra e prende il nome dalla marca, il confine, che può essere o quello fra Inghilterra e Galles, marche gallesi, o fra Inghilterra e Scozia, marche scozzesi e fu detenuto da molte grandi famiglie feudali che detennero possedimenti in quelle terre. Più tardi nel tempo il titolo assunse una dimensione puramente onoraria e cessò di contenere qualunque associazione fra il titolo in sé e il potere nelle marche.

Il conte di March nella Scozia[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo di conte di March riferito ai confini fra Scozia e Inghilterra discende da Gospatric, conte di Northumbria, ma poco dopo aver avuto il titolo lo perse a causa della propria fuga dove il re Malcolm III di Scozia lo accolse volentieri donandogli anche le terre attorno a Dunbar. I suoi successori controllarono le Marche, ma solo saltuariamente assunsero i contei di March in alternativa a quello di Dunbar, come fece Patrizio (IV), conte di March, l'ultimo dei suoi discendenti a detenerlo fu Giorgio (II), conte di March, che perse titoli e terre e che morì dopo il 1457. Con la sua caduta il titolo tornò alla corona scozzese e venne ricreato per Alessandro Stuart, III duca di Alba e alla morte di suo figlio Giovanni Stuart sia il ducato che il contado si estinsero. Successivamente il titolo venne creato ancora per Roberto Stuart, I conte di March (circa 1522 - 1586), nel 1581, e alla sua morte il titolo si estinse nuovamente. Più di recente il contado venne ricreato nel 1697 per Lord William Douglas, secondo figlio del I duca di Queensberry.

Parìa di Scozia, prima creazione[modifica | modifica wikitesto]

Parìa di Scozia, seconda creazione[modifica | modifica wikitesto]

Parìa di Scozia, terza creazione[modifica | modifica wikitesto]

Parìa di Scozia, quarta creazione[modifica | modifica wikitesto]

Il conte di March nell'Inghilterra[modifica | modifica wikitesto]

I conti di March inglesi prendono il loro nome dalle marche gallesi e discendono da Ruggero Mortimer, I conte di March il quale perse il titolo quando venne giustiziato per tradimento nel 1330, tuttavia i suoi discendenti riuscirono a riottenerlo diciotto anni più tardi. Con la morte del V conte non vi erano più Mortimer discendenti da Ruggero così il titolo andò al principe Riccardo Plantageneto, III duca di York e alla sua morte andò al figlio maggiore che, salito al trono come re Edoardo IV, portò il contado nella corona. La successiva creazione avvenne nel 1479 per il figlio maggiore del re Edoardo IV, Edoardo e quando questi divenne re Edoardo V d'Inghilterra il contado tornò ancora alla corona. Il titolo venne ricreato nel 1619 per Esmé Stewart, III duca di Lennox che lo detennero fino al 1672 anno in cui morì il VI duca e sia il contado che il ducato divennero estinti. Tre anni dopo nel 1675 il titolo venne ricreato per Charles Lennox, I duca di Richmond la cui famiglia lo detiene ancora oggi.

Conti di March, prima creazione[modifica | modifica wikitesto]

Conti di March, seconda creazione[modifica | modifica wikitesto]

Conti di March, terza creazione[modifica | modifica wikitesto]

Conti di March, quarta creazione[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo ora appartiene, quale titolo sussidiario ai duci di Richmond, il duca attualmente in carica è Charles X duca di Richmond, ex-lord luogotenente del West Sussex, suo figlio ed erede, Charles Gordon-Lennox (n. 1955), noto per cortesia conte di March[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]