Conte Lloyd George di Dwyfor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Conte di Dwyfor)
Jump to navigation Jump to search
Conte Lloyd-George
di Dwyfor
Corona araldica
Stemma
Stemma della famiglia Lloyd George
Parìadel Regno Unito
Data di creazione12 febbraio 1945
Creato dare Giorgio VI
Primo detentoreDavid Lloyd George
Attuale detentoreDavid Lloyd George,
IV conte Lloyd-George
Trasmissioneal primogenito maschio
Titoli sussidiarivisconte Gwynedd
Predicato d'onoreThe Right Honourable

Conte Lloyd-George di Dwyfor (o conte Lloyd-George) è un titolo nobiliare della parìa britannica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I conte Lloyd-George di Dwyfor, OM

Il titolo venne creato nel 1945 per il famoso politico del partito Liberale, David Lloyd George. Questi fu cancelliere dello Scacchiere dal 1908 al 1915 e primo ministro britannico dal 1916 al 1922. Lloyd George venne nominato con titolo sussidiario visconte Gwynedd, di Dwyfor nel Caernarfonshire, nel contempo in cui stato creato conte. Questi titoli vennero tutti riconosciuti nella parìa del Regno Unito.

Attualmente i titoli sono detenuti dal pronipote di questi, il IV conte Lloyd-George[1].

Onorificenze del I conte Lloyd-George[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al merito (O.M.) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito (O.M.)
— 1919
S.M. consigliere privato (P.C.) - nastrino per uniforme ordinaria S.M. consigliere privato (P.C.)
— 1905

Conti Lloyd-George di Dwyfor (1945)[modifica | modifica wikitesto]

  • David Lloyd George, I conte Lloyd-George di Dwyfor (1863–1945)
  • Richard Lloyd George, II conte Lloyd-George di Dwyfor (1889–1968)
  • Owen Lloyd George, III conte Lloyd-George di Dwyfor (1924–2010)
  • David Richard Owen Lloyd George, IV conte Lloyd-George di Dwyfor (n. 1951)[2].
    • L'erede apparente è William Alexander Lloyd George, visconte Gwynedd (n. 1986).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.cracroftspeerage.co.uk
  2. ^ Burke's Peerage & Baronetage online: Earl Lloyd-George of Dwyfor[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]