Conte di Abingdon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronet of a British Earl.svg
Conte di Abingdon
ParìaParìa d'Inghilterra
Data di creazione1682
Creato daCarlo II d'Inghilterra
Primo detentoreJames Bertie, I conte di Abingdon
Attuale detentoreRichard Henry Rupert Bertie, XIV conte di Lindsey, IX conte di Abingdon
Confluito nei titoli delConte di Lindsey (1938)
Trasmissioneal primogenito maschio
Titoli sussidiariLord Norreys di Rycote
Predicato d'onoreRight Honourable

Conte di Abingdon è un titolo ereditario della nobiltà inglese della parìa inglese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo venne creato il 30 novembre 1682 per James Bertie, V barone Norreys di Rycote. Egli era il figlio primogenito di Montagu Bertie, II conte di Lindsey e di sua moglie, Bridget, IV baronessa Norreys di Rycote, e fratellastro minore di Robert Bertie, III conte di Lindsey (vedi Conte di Lindsey e Barone Willoughby de Eresby). La famiglia di sua madre discendeva da Sir Henry Norris, che era stato perlamentare per il Berkshire e l'Oxfordshire alla Camera dei Comuni, oltre che ambasciatore in Francia. Nel 1572 egli venne elevato Lord Norreys di Rycote. Nel 1621 egli venne creato Visconte Thame e Conte di Berkshire nella parìa d'Inghilterra ma alla sua morte senza eredi i due titoli si estinsero. Egli venne però succeduto nella baronìa da sua figlia Elizabeth, la quale sposò Edward Wray. Alla sua morte il titolo passò alla figlia della coppia, la già menzionata Bridget, seconda moglie del secondo conte di Lindsey.

Il quinto barone, come si è già detto, nel 1682 venne nominato conte di Abingdon e così sino al VII conte il quale, morto senza eredi, venne succeduto da un lontano cugino di quinto grado il quale poi succedette come conte di Lindsey nel 1938.

Baroni Norreys di Rycote (1572)[modifica | modifica wikitesto]

Conti di Abingdon (1682)[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kidd, Charles, Williamson, David (editors). Debrett's Peerage and Baronetage (1990 edition). New York: St Martin's Press, 1990.