Contado di Cremona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Contado di Cremona
Flag of Kerch.svg
Informazioni generali
Capoluogo Cremona-Stemma.png Cremona
Dipendente da Flag of Milan.svg Ducato di Milano
Flag of the Tercios Morados Viejos.svg Stato di Milano
Suddiviso in 2 sottoprovince
Amministrazione
Forma amministrativa Contado
Organi deliberativi Congregazione generale
Evoluzione storica
Inizio 1509
Causa Conquista sforzesca
Fine 1786
Causa Suddivisione della Lombardia austriaca in province
Preceduto da Succeduto da
Cremona veneta Provincia di Cremona
Provincia di Casalmaggiore

Il Contado di Cremona fu una storica ripartizione territoriale della Lombardia, precursore dell'odierna Provincia di Cremona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Contado di Cremona fu conquistato per la prima volta da Milano sotto la guida di Azzone Visconti nel 1334. Per oltre un secolo e mezzo la città e il suo territorio rimasero sotto il governo meneghino, fino a che, nell'ambito delle guerre d'Italia, fu conquistata dalla Repubblica di Venezia nel 1499. Il dominio veneto, per quanto intenso[eh?], fu però molto più breve: già nel 1509 il contado tornò nel Ducato di Milano, che tuttavia era ormai destinato a diventare una regione del Regno di Spagna.

Gli spagnoli si impegnarono a creare numerosi consessi rappresentativi delle aristocrazie locali, purché in cambio potessero garantirsi un regolare gettito fiscale. Le ordinanze per la costituzione del Corpo del Contado, che contava 277 comunità, furono emanati dal Senato di Milano il 23 agosto 1565. Il consiglio provinciale fu chiamato Congregazione generale e fu composto da 24 membri, metà ciascuno per le due parti, superiore ed inferiore, in cui fu suddiviso il contado. Organo esecutivo era la Congregazione minore, composto dai sindaci, dal tesoriere, dal ragioniere e da altri ufficiali.[1]

La riforma dell'amministrazione provinciale fu voluta dall'imperatrice Maria Teresa nel 1757, e unificò la città con la campagna, istituendo un Consiglio generale dei decurioni e una più ristretta Congregazione dei prefetti. Per l'elezione del Consiglio vennero creati sedici collegi uninominali, detti delegazioni. Vennero mantenute le giurisdizioni separate della Calciana e delle terre separate, superate solo con una seconda riforma provinciale nel 1786.[2]

Suddivisione amministrativa del 1757[modifica | modifica wikitesto]

Provincia superiore

Provincia inferiore

Giurisdizione della Calciana

Terre separate[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Contado di Cremona sotto gli spagnoli
  2. ^ Il Contado di Cremona sotto i tedeschi
  3. ^ Delegazione I del contado di Cremona (1757-1786)
  4. ^ Delegazione II della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  5. ^ Delegazione III della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  6. ^ Delegazione IV della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  7. ^ Delegazione V della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  8. ^ Delegazione VI della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  9. ^ Delegazione VII della provincia superiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  10. ^ Delegazione VIII della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  11. ^ Delegazione IX della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  12. ^ Delegazione X della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  13. ^ Delegazione XI della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  14. ^ Delegazione XII della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  15. ^ Delegazione XIII della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  16. ^ Delegazione XIV della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  17. ^ Delegazione XV della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  18. ^ Delegazione XVI della provincia inferiore di Cremona, 1757 - 1786 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  19. ^ Vescovato costituiva invece un feudo imperiale sotto i marchesi Gonzaga di Vescovato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia