Consiglio di sicurezza (Russia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Consiglio di sicurezza della Federazione Russa
(RU) Совет безопасности Российской Федерации
Emblem Security Council of Russia.svg
Senate Palace - Room of the Security Council.jpg
StatoRussia Russia
SiglaSCRF
Istituito1991
PredecessoreConsiglio di sicurezza dell'Unione Sovietica
PresidenteVladimir Putin
Numero di membri38
SedePalazzo del Senato, Mosca

Il Consiglio di sicurezza della Federazione Russa (in russo: Совет безопасности Российской Федерации, Sovet bezopasosti Rossijskoj Federacii; СБРФ, SBRF) è un organo consultivo a disposizione del Presidente russo in materia di sicurezza nazionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il consiglio di sicurezza della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa (precursore dell'attuale) è stato istituito nell'aprile del 1991 insieme al ruolo di Presidente.

Nella costituzione del 1993 il consiglio deve essere guidato dal presidente, tuttavia il suo ruolo non viene chiaramente definito, infatti solo nel 2010 la legge sulla sicurezza chiarirà il suo ruolo di "organo consultivo al servizio del presidente in questioni di sicurezza nazionale".[1]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il consiglio di sicurezza è formato da 38 membri, di cui 12 permanenti.

Membri permanenti[modifica | modifica wikitesto]

I membri permanenti del consiglio sono 12: il Presidente, il Primo ministro, i presidenti delle due camere (Consiglio Federale e Duma di Stato), il capo dello staff del presidente, 3 ministri (difesa, affari esteri e affari interni), i direttori di FSB, SVR e Guardia Russa e il segretario del consiglio.

Permanenti
Nome Ruolo
Vladimir Putin Presidente della Federazione Russa
Dmitrij Medvedev Primo ministro della Federazione Russa
Anton Vajno Capo dello staff
Valentina Matvienko Presidente del Consiglio Federale
Vjačeslav Volodin Presidente della Duma di Stato
Sergej Šojgu Ministro della difesa
Sergej Lavrov Ministro degli affari esteri
Vladimir Kolokol'cev Ministro degli affari interni
Aleksandr Bortnikov Direttore dell'FSB
Sergej Nar'iškin Direttore dell'SVR
Viktor Zolotov Direttore della Guardia Russa
Nikolai Patrušev Segretario del consiglio di sicurezza

Membri temporanei[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente i membri temporanei sono 4 ministri (giustizia, finanze, situazioni d'emergenza e sviluppo dell'estremo oriente russo), il procuratore generale, i sindaci delle città federali di Mosca e San Pietroburgo, i rappresentanti di 5 circondari federali (Centrale, Nordoccidentale, Meridionale, Caucaso Settentrionale, Volga e Urali), il capo della Genshtab, 6 vicesegretari del consiglio e 6 assistenti del segretario.

Temporanei
Nome Ruolo
Jevgenij Ziničev Ministro delle situazione d'emergenza
Aleksandr Konovalov Ministro della giustizia
Anton Siluanov Ministro delle finanze e Vice-Primo ministro
Aleksandr Kozlov Ministro per lo sviluppo dell'oriente russo
Valerij Gerasimov Capo del Genshtab e vice-ministro della difesa
Jurij Čajka Procuratore generale
Sergej Sobjanin Sindaco di Mosca
Aleksandr Beglov Governatore di San Pietroburgo
Igor' Ščëgolev Rappresentante del Circondario Federale Centrale
Aleksandr Gutsan Rappresentante del Circondario Federale Nordoccidentale
Vladimir Ustinov Rappresentante del Circondario Federale Meridionale
Aleksandr Matovnikov Rappresentante del Circondario Federale del Caucaso Settentrionale
Igor' Komarov Rappresentante del Circondario Federale del Volga
Jurij Trutnev Rappresentante del Circondario

Federale degli Urali

Jurij Averjanov Vicesegretario del consiglio
Rašid Nurgaliev
Mikheil Popov
Sergeij Buravljov
Sergeij Vachrukov
Aleksandr Grebenkin
Aleksei Pavlov Assistente del segretario del consiglio
Nail Muchitov
Aleksandr Abelin
Aleksandr Venediktov

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153772258 · LCCN (ENn96058933 · WorldCat Identities (ENn96-058933