Consiglio dei commissari del popolo della RSFS Russa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Consiglio dei commissari del popolo della RSFSR
Stato RSFS Russa RSFS Russa
Tipo Governo
Sigla Sovnarkom, SNK
Istituito 1917
da Congresso panrusso dei Soviet
Predecessore Governo provvisorio russo
Soppresso 15 marzo 1946
da Soviet Supremo dell'URSS
Successore Consiglio dei ministri della RSFSR

Il Consiglio dei commissari del popolo della RSFS Russa (in russo: Совет народных комиссаров РСФСР?, traslitterato: Sovet narodnych komissarov RSFSR), abbreviato in Sovnarkom o SNK della RSFSR, è stato il governo della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa fino al 1946, quando fu riorganizzato in Consiglio dei ministri.[1]

Il primo Sovnarkom fu costituito, in qualità di "Governo temporaneo degli operai e dei contadini", durante la Rivoluzione d'ottobre con decreto del II Congresso panrusso dei Soviet.[2] Dopo la dissoluzione dell'Assemblea costituente panrussa il Consiglio perse l'aggettivo di "temporaneo" e fu poi definitivamente confermato nelle sue funzioni dalla Costituzione sovietica del 1918.[3]

Il Consiglio era composto di Commissari del popolo (Narkom), che dirigevano i Commissariati del popolo (Narkomat).[4] Dopo la nascita dell'Unione Sovietica il Sovnarkom della RSFS Russa continuò a operare a livello repubblicano, mentre un analogo istituto fu creato a livello federale.[3]

Membri del Primo Sovnarkom della RSFS Russa[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti del Sovnarkom della RSFS Russa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]