Consiglio Superiore di Sanità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Consiglio Superiore di Sanità è l'organo tecnico-consultivo del Ministero della salute italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio Superiore di Sanità Regio venne istituito nel 1847 nel Regno di Sardegna col compito di "vegliare all'esercizio della medicina e della chirurgia, non che della ostetricia, della flebotomia e della farmacia". Oltre a un Presidente, di diritto il Procuratore generale presso la Corte d'appello di Torino, ne facevano parte 12 membri (6 ordinari e 6 straordinari), più il "conservatore del vaccino" per il vaiolo[1].

L'istituto venne ereditato dal Regno d'Italia attraverso la legge di unificazione amministrativa del 20 marzo 1865 n. 2248, la cosiddetta «Legge Ricasoli»[2], ereditate quindi successivamente dalla legislazione della Repubblica italiana.

Le prerogative, l'organizzazione e il funzionamento del Consiglio Superiore di Sanità sono attualmente disciplinati dal decreto legislativo 30 giugno 1993, n. 266[3], dal decreto ministeriale 6 agosto 2003 n.342[4], dal decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 44 e dal decreto legge n. 90 del 24 giugno 2014.

Il Consiglio è composto da trenta membri non di diritto, esperti nei vari settori della medicina e chirurgia e della sanità pubblica, nominati dal Ministro della salute, e da ventisei componenti di diritto. I componenti non di diritto del Consiglio superiore di sanità durano in carica tre anni a decorrere dalla data di insediamento.

Il Consiglio si articola in cinque sezioni tematiche, un comitato di presidenza e un'assemblea generale.

Funzioni del Consiglio Superiore di Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio Superiore di Sanità ha sia compiti consultivi che compiti propositivi. Esamina, su richiesta del Ministro della Salute, ciò che riguarda la sanità pubblica e viceversa può proporre al Ministro della Salute di esaminare i problemi che riguardano l'igiene e la sanità, o indagini scientifiche. In sintesi:

  • prende in esame i fatti riguardanti la salute pubblica, su proposta del ministro della Salute;
  • propone lo studio di problemi attinenti all'igiene e la sanità pubblica;
  • propone indagini scientifiche su avvenimenti di rilevante interesse nel campo dell'igiene e della sanità;
  • propone la formulazione di schemi, norme e provvedimenti per la tutela della salute pubblica;
  • propone la preparazione di norme per l'edificazione di opere per l'igiene pubblica (per es., ospedali, istituti di cura) da parte di pubbliche amministrazioni;
  • esprime pareri sui regolamenti e sulle convenzioni internazionali che riguardano la salute pubblica; sulle tabelle delle lavorazioni insalubri e dei coloranti nocivi; sulle norme per la tutela della salute pubblica; sugli insetticidi; sui lavori pericolosi delle donne e dei fanciulli e sulle norme igieniche del lavoro, sugli stupefacenti, sui servizi diretti a prevenire ed eliminare i danni delle emanazioni radioattive e delle contaminazioni atmosferiche

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio editto di Carlo Alberto del 30 ottobre 1847 n. 640 (on-line)
  2. ^ Achille Serpieri, Legge sulla amministrazione comunale e provinciale : all. A della Legge 20 marzo 1865, n. 2248 per l'unificazione amministrativa del Regno d'Italia, annotata dagli avvocati Achille Serpieri e David Silvagni, Torino : Unione Tipografico-Editrice, 1884
  3. ^ Decreto legislativo 30 giugno 1993, n. 266, Riordinamento del ministero della sanità, a norma dell'art. 1, comma 1, lettera h), della legge 23 ottobre 1992. Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 180 Suppl. Ord. del 3 agosto 1993 (on-line)
  4. ^ Ministero della Salute, Decreto 6 agosto 2003, n.342, Regolamento recante sostituzione del regolamento concernente la composizione e l'ordinamento del Consiglio superiore di sanità, adottato con decreto ministeriale 27 febbraio 1997, n. 76. Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 287 dell'11 dicembre 2003 (on-line)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]