Consiglio Principe e Sovrano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Fascismo a San Marino.

Consiglio Principe e Sovrano
Coat of arms of San Marino.svg
Palazzo pubblico rsm.jpg
Il Palazzo Pubblico di San Marino città, sede del Consiglio Principe e Sovrano
Istituito1º aprile 1923
Soppresso28 luglio 1943
PresidenteGiuliano Gozi
SedeSan Marino città
IndirizzoPalazzo Pubblico, Piazza della Libertà

Il termine Consiglio Principe e Sovrano indicava il Consiglio Grande e Generale della Repubblica di San Marino dal 1862 al 1906 e durante il periodo fascista dal 1923 al 1943, dopo che il Consiglio Grande e Generale era stato sciolto con il decreto reggenziale 27 gennaio 1923 n.2 dopo che la maggioranza dei componenti antifascisti aveva lasciato o era stata costretta a lasciare il Consiglio[1]. Venne sciolto con il decreto del 28 luglio 1943 n.25 dai Capitani Reggenti Marino Michelotti e Bartolomeo Manzoni Borghesi[2]. I suoi 60 membri erano tutti del Partito Fascista Sammarinese.

Il Consiglio Principe e Sovrano era il parlamento monocamerale della Repubblica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]