Consiglio nazionale degli sloveni, croati e serbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Consiglio nazionale degli sloveni, croati e serbi[1] (in lingua croata: Narodno vijeće Slovenaca, Hrvata i Srba - in sloveno Narodni svet Slovencev, Hrvatov in Srbov - in serbo Народно вијеће Срба, Хрвата и Словенаца) era l'organo governativo dello Stato degli sloveni, dei croati e dei serbi ed era composto da Anton Korošec, da Svetozar Pribićević e dal dottor Ante Pavelić.[2]

Il 29 ottobre 1918 il Consiglio nazionale degli sloveni, croati e serbi ruppe ogni relazione con l'Austria e l'Ungheria, stabilendo il nuovo Stato degli sloveni, croati e serbi, riconosciuto soltanto dall'imperatore Carlo, ma non dalla comunità internazionale che sino alla fine della prima guerra mondiale (4 novembre 1918 con l'Italia) invece ne ignorava l'esistenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da non confondere con il Comitato jugoslavo, composto da Frano Supilo, Ante Trumbić, Ivan Meštrović, Hinko Hinković, Franko Potočnjak, Nikola Stojanović, Dušan Vasiljević movimento sud slavo (jugoslavo) che iniziò a riunirsi segretamente sin dal 1914 e fondato ufficialmente il 30 aprile 1915 a Londra durante la prima guerra mondiale.
  2. ^ Da non confondere con Ante Pavelić, negli anni venti leader del movimento nazionalista croato di estrema destra degli Ustascia ed in seguito a capo dello stato fantoccio governato da un regime fascista sostenuto dall'Asse in Croazia dal 1941.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]