Confronto (ordinamento penale italiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il confronto, nell'ordinamento penale italiano, è disciplinato dal capo III del titolo II (mezzi di prova) del libro III (prove) del codice di procedura penale e, precisamente, dagli artt. 211 e 212.

Disciplina[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 211 precisa i presupposti del confronto:

« Il confronto è ammesso esclusivamente fra persone già esaminate o interrogate, quando vi è disaccordo fra esse su fatti e circostanze importanti. »

Queste persone possono essere gli imputati stessi, le parti processuali, o i testimoni. Non può essere ammesso un confronto fra due soggetti che non abbiano già reso dichiarazioni in precedenza.

L'articolo 212 fissa invece le modalità del confronto:

« Il giudice, richiamate le precedenti dichiarazioni ai soggetti tra i quali deve svolgersi il confronto, chiede loro se le confermano o le modificano, invitandoli, ove occorra, alle reciproche contestazioni. »

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]