Confine tra l'Italia e la Svizzera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Confine tra l'Italia e la Svizzera
EU Swiss border post.jpg
Posto di confine di Brogeda
Dati generali
StatiItalia Italia
Svizzera Svizzera
Lunghezza744 km
Enclavi/exclaviCampione d'Italia
Dati storici
Istituito nel1861
Causa istituzioneCostituzione del Regno d'Italia
Attuale dal1919
Causa tracciato attualeTrattato di Saint-Germain-en-Laye

Il confine tra l'Italia e la Svizzera si estende per 744 chilometri, dalla vetta tripartita franco-italo-elvetica del Monte Dolent a ovest fino alla vetta tripartita austro-italo-elvetica vicino al Piz Lat a est. Gran parte del confine attraversa le Alte Alpi, salendo al di sopra dei 4.600 m s.l.m., passando a est di Punta Dufour, ma scende anche nel punto più basso della Svizzera, al di sotto dei 200 metri del Lago Maggiore.[1].

Un secondo tratto di confine, lungo circa 7 km, circonda l'enclave italiana di Campione d'Italia pota sulla sponda orientale del Lago di Lugano, completamente circondata dal Canton Ticino e a circa un chilometro dal confine principale. Si tratta della più lunga frontiera terrestre internazionale sia dell'Italia (che confina con sei paesi) sia della Svizzera (che confina con cinque paesi). A livello internazionale, è il 119° confine terrestre più lungo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il confine di stato italo-elvetico è il risultato del periodo napoleonico, stabilito con la costituzione provvisoria della Repubblica Elvetica del 15 gennaio 1798, restaurata poi nel 1815: all'epoca il confine divideva la Svizzera dal Regno di Sardegna, il Regno Lombardo-Veneto e la provincia di Cisleitania dell'Austria-Ungheria.

A seguito dell'unità d'Italia, nel 1861 nacque ufficialmente anche il confine tra Italia e Svizzera. Il 5 ottobre 1861 venne sottoscritta una convenzione con la quale venne ceduta alla Svizzera il territorio della Costa di San Martino e della Casaccia, già appartenenti al comune di Campione, ma situati sulla riva opposta del Lago Ceresio (Lago di Lugano).

Alcune controversie territoriali dopo la formazione del Regno d'Italia furono risolte nella Convenzione tra l'Italia e la Svizzera per l'accertamento della frontiera fra la Lombardia ed il Cantone dei Grigioni del 1863.[2]

Nel 1866, a conclusione della terza guerra d'indipendenza italiana, il Regno Lombardo-Veneto viene annesso al Regno d'Italia: conseguentemente, il confine italo-svizzero viene prolungato vesto est.

Il 10 settembre 1919 venne sottoscritto il Trattato di Saint-Germain-en-Laye con cui il Regno d'Italia annette il Sud Tirolo austriaco: il confine italo-svizzero viene perciò prolungato ancora verso est, prendendo il suo corso attuale.

Altri trattati italo-svizzeri riguardanti il corso della frontiera risalgono all'aprile 1873[3], al luglio 1936[4] e al 24 luglio 1941[5]

Il confine nei pressi della diga della Valle di Lei

Dalla fine della seconda guerra mondiale il confine di stato tra la Repubblica italiana e la Confederazione svizzera è rimasto invariato, ad eccezione di piccole rettifiche e scambi di territorio, tra cui l'inclusione della diga della Valle di Lei nel territorio svizzero a seguito di una convenzione del 1952, ratificata nel 1953 dalla Svizzera e nel 1955 dall'Italia[6]

Nel 2008 la Svizzera è entrata a far parte dell'area Schengen, sopprimendo così i normali controlli di frontiera dal 12 dicembre 2008. Tuttavia, dato che la Svizzera non fa parte dell'unione doganale dell'Unione Europea, le guardie di frontiera di entrambi i Paesi possono comunque effettuare controlli doganali. Nel 2016, a causa dell'aumento dell'immigrazione clandestina dall'Italia verso la Svizzera legato alla crisi migratoria europea, il governo svizzero ha istituito controlli più severi sui treni diretti in Svizzera e dispiegando pattuglie di elicotteri e droni.[7][8] Il governo elvetico ha respinto le richieste di costruire una recinzione lungo il confine.[9] Nell'aprile 2017 il ministero degli esteri italiano ha convocato l'ambasciatore svizzero per "colloqui urgenti" dopo che la Svizzera aveva deciso di chiudere "tre piccoli valichi di frontiera" durante le ore notturne.[10]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il confine tra i due paesi è costituito da due sezioni distinte:

  • la sezione principale è una frontiera internazionale standard che corre seguendo una direzione generale ovest/est per 740 km. Inizia al monte Dolent dove è collocata la triplice frontiera tra la Francia, l'Italia e la Svizzera[11] e termina ad una seconda triplice frontiera tra l'Austria, l'Italia e la Svizzera[12].
  • la seconda sezione contorna l'enclave italiana di Campione d'Italia. Infatti Campione è integralmente contornata dal Canton Ticino. L'enclave si trova ad una distanza di circa 1 km dal confine standard.

Si tratta del più lungo confine terrestre internazionale dell'Italia (che ne conta sei) e della Svizzera (che ne conta cinque).

Regioni, cantoni, province e distretti interessati[modifica | modifica wikitesto]

Pietra di confine al Passo di San Giacomo (versante svizzero).

In Italia il confine con la Svizzera interessa quattro regioni e sette province:

In Svizzera il confine con l'Italia interessa tre cantoni e 17 distretti:

Sezioni alpine sul confine[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Dolent, dove inizia il confine.

Il confine è collocato lungo la catena alpina. Da ovest verso est si incontrano le seguenti sezioni e sottosezioni alpine:

Valichi tra Italia e Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista dei valichi di confine tra Italia e Svizzera.
Profilo altimetrico del confine.

Sentieri:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ db-city.com
  2. ^ original text at admin.ch
  3. ^ BS 11 83, SR 0.132.454.1
  4. ^ SR 0.132.454.1 / AS 1969 1308
  5. ^ Convenzione fra la Confederazione Svizzera e il Regno d’Italia per la determinazione dei confine italo-svizzero nel tratto compreso fra Cima Garibaldi o Run Do ed il M. Dolent, 0.132.454.2.
  6. ^ Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Italiana concernente una modificazione di confine nella Valle di Lei (PDF), su admin.ch. URL consultato il 21 maggio 2014.
  7. ^ Italian City on Swiss Border to Set Up Camp for Blocked Migrants, Reuters, 17 agosto 2016. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  8. ^ Helena Bachmann, Switzerland Blocks Migrants Wanting to Pass-Through from Italian Border, USA Today, 16 settembre 2016. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  9. ^ Cabinet Says Ticino Border Fence Not Needed, Swissinfo, 16 novembre 2016. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  10. ^ Italy Summons Swiss Ambassador Over Closed Borders, Swissinfo, 4 aprile 2017. URL consultato il 6 aprile 2017.
  11. ^ La triplice frontiera non si trova sulla vetta della montagna ma a 3.749 m di quota, a nord-ovest della cima principale.
  12. ^ Questa triplice frontiera è collocata ad ovest del passo Resia e sul fianco del Piz Lat.
  13. ^ Nella loro parte più occidentale.
  14. ^ Nella loro parte più orientale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]