Confederazione italiana agricoltori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Confederazione italiana agricoltori
Logo del Confederazione italiana agricoltori (CIA).jpg
PresidenteSecondo Scanavino
StatoItalia Italia
Fondazionedicembre 1977
SedeVia Mariano Fortuny, 20 - Roma
Iscritticirca 900.000
TestataNuova agricoltura
Sito web

La Confederazione italiana agricoltori (CIA) è un'associazione di categoria, laica, senza schieramento politico, operante in Italia, di imprenditori agricoli, di coltivatori diretti, dei coloni e mezzadri, dei contadini in affitto ("fittavoli") italiani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata fondata nel 1977 con il nome di Confederazione italiana coltivatori (CIC), partendo dalla fusione di alcune organizzazioni già esistenti di rappresentanza del mondo agricolo: l'Alleanza contadini, la Federmezzadri (emanazione della CGIL) e l'Unione coltivatori italiani. Il consiglio generale elesse presidente, per acclamazione, Giuseppe Avolio.

Nel 1992, in occasione del quinto congresso il nome è stato cambiato in quello attuale di Confederazione italiana agricoltori. Essa è presente in tutte le regioni e tutte le province d'Italia. Gli iscritti sono circa 900.000, 1/3 di imprenditori e i restanti 2/3 sono agricoltori subordinati o familiari degli imprenditori.

Nel 2004 succede al presidente Avolio, alla guida dell'associazione, Giuseppe Politi. Nel 2014 gli subentra, poco prima della morte, Secondo Scanavino (Dino) attuale presidente.

Agrinsieme[modifica | modifica wikitesto]

La CIA, assieme a Confagricoltura, Aci e Legacoop-agroalimentare ha fondato Agrinsieme[1], coordinamento unico creato per dare una maggiore rappresentanza alle proprie aziende e cooperative, al quale si è aggiunta il 9 giugno 2015 anche l'Unione coltivatori. L'alleanza è dovuta anche alle politiche liberali comuni dei vari membri partecipanti. Il totale delle forze rappresenta il 30% del settore agricolo in Italia[2].
Agrinsieme, in seguito alle scelte di Confindustria si è dichiarata favorevole al progetto di riforma costituzionale Renzi-Boschi[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura