Concistori di papa Francesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Papa Francesco.

Papa Francesco

Questa voce raccoglie l'elenco completo dei concistori ordinari pubblici per la creazione di nuovi cardinali presieduti da papa Francesco, con l'indicazione di tutti i cardinali creati. Durante il suo pontificato, Francesco ha creato 61 nuovi cardinali da 43 nazioni, 15 delle quali non avevano mai avuto un cardinale prima. Di questi, 49 sono elettori e 12 non elettori.

22 febbraio 2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 febbraio 2014, durante il suo primo concistoro, papa Francesco ha creato diciannove nuovi cardinali (sedici elettori e tre ultraottantenni).[1] I sedici nuovi porporati sono:[2]

Oltre ai sedici cardinali elettori sono stati creati altri tre cardinali ultraottantenni "che si sono distinti per il loro servizio alla Santa Sede e alla Chiesa":

In questo concistoro viene creato il cardinale più anziano di sempre al momento della nomina nella storia della Chiesa cattolica: Loris Francesco Capovilla (98 anni, 4 mesi e 8 giorni). Si tratta del primo concistoro dal 30 giugno 1979 in cui non sono creati nuovi cardinali provenienti dagli Stati Uniti d'America.

Significativa inoltre l'assegnazione della porpora per la prima volta a un prelato haitiano, il che testimonia l'attenzione del pontefice ai popoli dell'America Latina e, in genere, a quelli più poveri e travagliati da grossi problemi sociali.[3]

14 febbraio 2015[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 gennaio 2015, nel corso dell'Angelus, papa Francesco ha dato lettura dei nomi dei venti cardinali che ha creato nel concistoro del 14 febbraio 2015. Tra questi, quindici sono elettori:

Oltre ai quindici cardinali elettori sono stati creati altri cinque cardinali ultraottantenni "che si sono distinti per la loro carità pastorale nel servizio alla Santa Sede e alla Chiesa":

In questo concistoro viene creato il secondo cardinale più anziano di sempre al momento della nomina nella storia della Chiesa cattolica (dopo Loris Francesco Capovilla, creato il 22 febbraio 2014): José de Jesús Pimiento Rodríguez.

19 novembre 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 ottobre 2016, nel corso dell'Angelus, papa Francesco ha annunciato la creazione di tredici cardinali elettori, cui ha consegnato la berretta, l'anello e il titolo nel concistoro del 19 novembre seguente[4][5]:

Ad essi si aggiungono anche quattro cardinali ultraottantenni, "un arcivescovo e due vescovi emeriti che si sono distinti nel loro servizio pastorale ed un presbitero che ha reso una chiara testimonianza cristiana. Essi rappresentano tanti vescovi e sacerdoti che in tutta la Chiesa edificano il Popolo di Dio, annunciando l'amore misericordioso di Dio nella cura quotidiana del gregge del Signore e nella confessione della fede":

Con il concistoro del 19 novembre 2016 il Sacro Collegio ha raggiunto il numero di 228 cardinali viventi (compresi i non elettori), provenienti da 79 nazioni, nuovo record storico, mai raggiunto prima nella storia della Chiesa cattolica.[senza fonte] In questo concistoro è stato creato il primo cardinale nato dopo il Concilio Vaticano II, Dieudonné Nzapalainga, C.S.Sp., arcivescovo di Bangui (Repubblica Centrafricana), attualmente il più giovane cardinale.

28 giugno 2017[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 maggio 2017, al termine del Regina Cœli, papa Francesco annunciò che il 28 giugno seguente avrebbe tenuto un concistoro per la creazione di cinque nuovi cardinali[7]:

Anders Arborelius è il primo convertito creato cardinale dal 2 febbraio 1983, quando papa Giovanni Paolo II creò cardinale l'arcivescovo di Parigi Jean-Marie Lustiger, in precedenza ebreo. Louis-Marie Ling Mangkhanekhoun è il primo vicario apostolico creato cardinale dal 18 febbraio 1946, quando papa Pio XII creò cardinale il vicario apostolico di Qingdao, Thomas Tien Ken-sin, futuro arcivescovo di Pechino. Inoltre, Gregorio Rosa Chávez è il primo vescovo ausiliare creato cardinale dal 16 dicembre 1935, quando papa Pio XI creò cardinale il vescovo ausiliare di Parigi Alfred-Henri-Marie Baudrillart. Con il concistoro del 28 giugno 2017, 83 nazioni sono rappresentate nel Sacro Collegio, nuovo record storico, mai raggiunto prima nella storia della Chiesa cattolica.[senza fonte] Infine è la prima cerimonia di Francesco in cui tutti i neo porporati sono presenti.

29 giugno 2018[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2018, al termine del Regina Cœli, papa Francesco ha annunciato che il 29 giugno seguente terrà un concistoro per la creazione di 14 nuovi cardinali:

Ad essi si aggiungono anche tre cardinali ultraottantenni, "un arcivescovo, un vescovo ed un religioso che si sono distinti nel loro servizio alla Chiesa ":

Si tratta del primo concistoro di papa Francesco in cui non vengono creati cardinali di nuova nazionalità. Inoltre, con questo concistoro, 88 nazioni sono rappresentate nel Collegio Cardinalizio, nuovo record storico, mai raggiunto prima nella storia della Chiesa cattolica.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelus, 12 gennaio 2014, su vatican.va. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  2. ^ Titoli e Diaconie assegnati ai nuovi Cardinali creati nel Concistoro del 22 febbraio 2014, su vatican.va. URL consultato il 23 febbraio 2014.
  3. ^ Il Messaggero
  4. ^ Annuncio di Concistoro il 19 novembre per la creazione di nuovi Cardinali, su press.vatican.va. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  5. ^ Assegnazione dei Titoli o delle Diaconie ai nuovi Cardinali, su press.vatican.va. URL consultato il 19 novembre 2016.
  6. ^ Al momento dell'annuncio era arcivescovo di Indianapolis; trasferito a Newark il 7 novembre 2016.
  7. ^ Papa Francesco annuncia la nomina di cinque nuovi cardinali, in rainews.it, 21 maggio 2017. URL consultato il 21 maggio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo